QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PONTEDERA
Oggi 10° 
Domani 13° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdera, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdera
venerdì 22 novembre 2019

Politica giovedì 28 febbraio 2019 ore 11:00

​D'Anniballe: "Ponsacco è in declino"

In vista delle elezioni comunali, quattro domande al candidato della Lega. Difficoltà a unire il centrodestra "ma la sinistra non ha certo fatto bene"



PONSACCO — L'avvocato Federico D'anniballe, 47 anni, è il candidato sindaco per la Lega di Ponsacco. Gli abbiamo posto quattro domande alle quali l'avvocato-candidato ha risposto.

1) Finora si era mai impegnato attivamente in politica?
"Fino ad alcuni mesi fa non mi sono mai occupato di politica ‘in prima persona’, anche se devo dire che sono sempre stato appassionato alle vicende politiche sia di Ponsacco che a quelle nazionali. Diciamo che la è sempre stata una passione coltivata in privato. Da quando poi mi sono avvicinato al Gruppo Lega Ponsacco dal ‘mio privato e personale osservatorio politico domestico’ ho colto la necessità di dover dare di più, di dover trasformare ‘una mia passione ‘civica-privata’ in un impegno concreto e fattivo. Insomma: Ponsacco, più di altre realtà locali, necessita di forze nuove e fresche, di persone appassionate che portino il loro contributo alla rinascita di questo comune che, è sotto gli occhi di tutti, ha intrapreso purtroppo un lento percorso di declino. In sostanza la motivazione è duplice: politica e civica."

2) Perché la candidatura nella Lega?
"Mi sono avvicinato alla lega in quanto mi sono sempre riconosciuto negli ideali cardine di questo partito: il rispetto delle regole e della legalità in generale, ma prima ancora la valorizzazione dell’appartenenza ad un paese e, scendendo in basso, ad un territorio, con tutto ciò che ne consegue in termini di protezione e di tutela di questo concetto. Credo che le persone che rispettano le regole, che adempiono regolarmente ai propri doveri in termini di contribuzione e che vogliono bene a Ponsacco debbono venire prima di tutti gli altri; le risorse sono scarse ed è giusto che in caso di bisogno al vertice di ogni graduatoria ci siano i ponsacchini".

3) Pensa che il centrodestra si presenterà unito a Ponsacco?
"Se si votasse domani mattina la lega correrebbe da sola. Ad oggi i vertici dei partiti non sono infatti riusciti a raggiungere una sintesi e ad esprimere un candidato condiviso. A Ponsacco ci sono molte peculiarità rispetto ad altre realtà, peculiarità che evidentemente sono d’ostacolo ad un’alleanza a tre.

4) A Ponsacco la sinistra ha sempre vinto alle elezioni comunali mentre a quelle politiche i ponsacchini hanno spesso mostrato tendenze maggioritarie di centrodestra. Perché?
"La risposta sta nella differenza che c’è tra la competizione a livello nazionale e quella comunale. Credo che la destra non sia riuscita riuscita ad esprimere un candidato sindaco veramente amato dai ponsacchini e credo che su questo la sinistra abbia invece sempre lavorato meglio. Ma questo non significa certo che i candidati sindaci della sinistra, una volta eletti, abbiano fatto bene".

Mario Mannucci
© Riproduzione riservata



Tag

Libia, Conte: «Lavoriamo per un rapido cessate il fuoco»

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Lavoro

Politica