QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PONTEDERA
Oggi 10°14° 
Domani 14° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdera, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdera
martedì 19 novembre 2019

Attualità lunedì 15 settembre 2014 ore 15:30

Primo giorno di scuola, tra le novità l'E-book

All'istituto tecnico si sperimentano i libri elettronici. Crescono le iscrizioni all'istituto tecnico Fermi, la scuola più grande della provincia



PONTEDERA — Si torna sui banchi di scuola. In provincia di Pisa nelle scuole superiori la ripresa dell'attività didattica per il nuovo anno scolastico riguarda 16335 alunni. A Pontedera i corsi di studio che hanno visto aumentare i propri iscritti rispetto allo scorso anno sono per lo più quelli degli istituti tecnici. Nel capoluogo della Valdera questa mattina sono tornati sui banchi delle scuole superiori 4753 alunni, secondo i dati dell'ufficio scolastico provinciale. Poi ci sono gli studenti delle elementari e delle scuole medie. E il primo giorno di scuola lo ha voluto vivere anche il sindaco Simone Millozzi che ha visitato alcuni istituti augurando buon anno scolastico agli alunni.

Molte le novità che sono state introdotte anche per i ragazzi. All'istituto tecnico e per geometri Enrico Fermi i libri, per alcuni corsi di studio diventano touch-screen come racconta il vicepreside Antonio Massei: “Alcune classi sperimentali hanno l'ebook che contiene i libri di testo. Per ogni studente c'è un Ipad. E' un progetto della Provincia, le famiglie risparmiano sui libri e gli studenti sono al passo coi tempi”.

A godere del supporto tecnologico sono alcune classi di ragioneria e dell'istituto agrario che, inaugurato lo scorso anno, ha già visto aumentare i propri iscritti. Proprio il Fermi che racchiude vari indirizzi tecnici con il 2014 è diventata la scuola superiore più grande della provincia di Pisa: “C'è un incremento di studenti, quest'anno sono più di 1200 in totale – dice – l'istituto agrario dopo il primo anno con 41 studenti, quest'anno avrà tre sezioni in prima e 66 studenti”.

In calo invece il corso per diventare geometri, che adesso si chiama Costruzioni e ambiente e che quest'anno conta solo 28 iscritti e una sezione.

Ma i ragazzi all'uscita parlano di alcuni problemi come professori cambiati e di poca voglia di affrontare i nove mesi di lezione: “Il primo giorno? Bene perché rivediamo i compagni ma male per altre cose– racconta Benedetta, iscritta alla 5a ragioneria – per esempio sono cambiati diversi professori e non c'è molta chiarezza sul nuovo esame di maturità.”.

Altri ragazzi commentano con un sorriso: “Bene bene, siamo usciti presto – racconta un gruppo di matricole di ragioneria - c'è l'orario ridotto”. Mentre altri studenti ritornano sul tema del cambio professori: “Avere nuovi professori va bene quando si passa dal biennio al triennio – spiega una ragazza iscritta al quarto anno – ma non è facile quando si cambia un docente a metà del triennio”. La scuola è obbligatoria fino ai 16 anni e c'è chi la prende con filosofia: “Il primo giorno è andato bene – racconta Byneta – del resto è meglio essere positivi e fare del nostro meglio”.

Sulla questione del cambio dei professori parla anche il vicepreside Massei: “I cambi e le sostituzioni sono fisiologici. Nel nostro istituto abbiamo più di 100 docenti, di cui 86 con cattedra fissa, una ventina di supplenti e sei professori di sostegno”.

Oltre all'Ipad per gli studenti ci sono altre iniziative per il nuovo corso d'agraria come spiega la preside Cristina Cosci: “Agraria è davvero un cantiere aperto, a breve avremo unanserra di cento metri quadri all'interno del villaggio scolastico. L'anno prossimo ci verrà dato dal Comune un ettaro di terra da lavorare nella zona della Bianca (l'ex casa di recupero per tossicodipendenti nel parcheggio del mercato, ndr) per gli studenti che inizieranno il triennio. Inoltre i ragazzi che sono usciti dalla prima hanno avuto quest'estate una prima esperienza lavorativa in un'azienda agricola del territorio”.



Migranti, Salvini replica al ministro Trenta: «Qualcuno si è svegliato nervosetto»

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Cronaca

Cultura

Cronaca