Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 10:07 METEO:PONTEDERA18°31°  QuiNews.net
Qui News valdera, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdera
sabato 19 giugno 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Ardea, la madre del killer Pignani: «Come si può arrivare a tanta ferocia? Il gesto di mio figlio non può essere giustificato»

Attualità mercoledì 28 gennaio 2015 ore 09:00

Al via il progetto di assistenza a bassa intensità

Coinvolte alcune residenze sanitarie di Pontedera e della Valdera. Il commento del sindaco e presidente della Società della Salute Simone Millozzi



PONTEDERA — Via libera della Regione a un importante progetto, della Società della Salute, rivolto agli anziani di Pontedera e della Valdera. Il progetto riguarda la sperimentazione di “moduli a bassa intensità assistenziale” nelle residenze sanitarie assistite.

Il progetto presentato dalla Società della Salute della Valdera insieme all’Asl 5 è risultato tra i 5 considerati “immediatamente attivabili” dalla Regione e quindi partirà da subito.

Il progetto prevede la sperimentazione di 11 posti di modulo “Bia” (bassa intensità assistenziale) e coinvolgerà alcune residenze sanitarie assistite, convenzionate, della Valdera (la Residenza San Giuseppe di Pontedera, la Rsa Belvedere di Lari e la Giampieri di Ponsacco) che hanno dato la loro disponibilità e che, per le loro caratteristiche, possono essere adatte alla sperimentazione di questo tipo di servizi.

Il modulo a bassa intensità consiste in un diverso tipo di servizio che viene erogato al cittadino, per rispondere a bisogni parziali e semplici. Spesso infatti la richiesta, di chi si rivolge alle strutture esistenti, non deriva necessariamente dal bisogno di un’assistenza prevalentemente a carattere sanitario.

È sempre maggiore il numero delle persone anziane che non sono in grado di vivere al proprio domicilio a causa della condizione sociale in cui si trovano: sempre più spesso si rivolgono ai servizi persone sole o con una rete familiare non in grado di prestare assistenza e non più in grado di provvedere in autonomia alle attività della vita quotidiana.

Con l’attivazione in via sperimentale di questi nuovi moduli “a bassa intensità assistenziale” la Società della Salute si pone l’obiettivo di rispondere a queste nuove esigenze di natura prioritariamente sociale nei confronti di persone lievemente non autosufficienti.

Il sindaco di Pontedera e presidente della Società della Salute, Simone Millozzi esprime soddisfazione per questa nuova opportunità: “Ringrazio la Regione Toscana per aver offerto al nostro territorio questa opportunità e le Residenze sanitarie assistite della Valdera che hanno dato la loro disponibilità alla sperimentazione di questo progetto. Con questi nuovi strumenti potremo offrire ai cittadini della Valdera risposte sempre più flessibili e diversificate, e quindi più rispondenti ai loro bisogni, migliorando ancora di più un sistema di protezione sociale già ottimo”.

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Il furto è avvenuto al ponte alla Botte, dove sono sparite sei vaschette di fiori che abbellivano la zona. La rabbia del sindaco
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Federica Giusti

QUI Condoglianze

Qui Condoglianze - Elenco necrologi

Francesca Viscariello

Venerdì 18 Giugno 2021
Onoranze funebri
MISERICORDIA Pontedera
Onoranze Funebri


Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Attualità

Attualità

Politica