Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 18:00 METEO:PONTEDERA17°28°  QuiNews.net
Qui News valdera, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdera
domenica 13 giugno 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
AstraZeneca, Draghi: «Cordoglio per morte Camilla, complicato ricostruire responsabilità»

Attualità mercoledì 02 novembre 2016 ore 15:30

Alluvione a Pontedera, i fatti ora per ora

Gli esperti temevano la rottura degli argini dell'Arno, invece a esondare fu il fiume Era. La ricostruzione precisa degli eventi



PONTEDERA — Il 4 novembre era un giorno di festa. Si festeggiava la vittoria nella prima guerra mondiale. Quel giorno del 1966 i festeggiamenti si svolsero e si conclusero in fretta. Ma andiamo con ordine.

Alle 7,30 una telefonata avverte i carabinieri di Pontedera che l'Arno ha allagato la periferia di Firenze e sta minacciando il centro. A Pontedera è in arrivo un'ondata di piena nel primo pomeriggio. 

Alle 8,30 l'ufficiale idraulico e il tenente dei carabinieri Lace hanno un primo incontro con il sindaco Giacomo Maccheroni. La decisione è quella di mettere in allerta i servizi tecnici. La popolazione invece non viene ancora avvertita del rischio. 

10,30. Come detto prima il 4 novembre è l'anniversario della festa della vittoria, la commemorazione si svolge regolarmente, ma si conclude in fretta. La voce si è sparsa e l'evento è sotto gli occhi di tutti. La gente si affolla sulle spallette.

11,30. Si teme il cedimento dell'argine dell'Arno in corrispondenza di via Saffi. Anche l'Era continua a crescere. Nella tarda mattinata il sindaco Maccheroni decide di avvertire la popolazione. A diffondere il comunicato è un'auto con sopra un altoparlante. La vettura attraversa le vie della città annunciando l'imminente pericolo. In via Veneto iniziano le prime infiltrazioni. 

Alle 12,30 l'acqua comincia a uscire dall'Arno sulla Toscoromagnola. Dopo pochi minuti ha già raggiunto 20 centimetri. Maccheroni ordina lo sgombero dei locali a piano terra.

Alle 14,30, cogliendo tutti di sorpresa, è l'Era, non l'Arno, a rompere gli argini alla Montagnola allagando quasi interamente città.

Alle 18 si raggiunge il livello massimo di 13 metri sul livello stradale. La città rimane per l'intera giornata e per tutta la notte successiva completamente isolata e senza corrente elettrica.

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Traffico intenso sin dalle prime ore del mattino in direzione mare. Un incidente paralizza l'arteria poco dopo lo svincolo di Santa Croce
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Libero Venturi

QUI Condoglianze

Qui Condoglianze - Elenco necrologi

Valentina Bani

Giovedì 10 Giugno 2021
Onoranze funebri
PUBBLICA ASSISTENZA Pontedera
Onoranze Funebri


Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Cronaca

Attualità

CORONAVIRUS