QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PONTEDERA
Oggi 17°25° 
Domani 15°19° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdera, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdera
martedì 15 ottobre 2019

Attualità venerdì 25 gennaio 2019 ore 14:37

Cinque defibrillatori donati alle scuole

L’associazione Cecchinicuore onlus e la 46esima brigata dell'Aeronautica militare hanno donato 5 Dae da installare fuori dai plessi scolastici



BIENTINA — Sono stati donati 5 DAE (defibrillatori automatici esterni) - che verranno messi a disposizione delle scuole di Bientina - da parte della 46esima brigata dell'Aeronautica militare e dell'associazione Cecchinicuore onlus. Questi strumenti serviranno a garantire la cardioprotezione dei ragazzi che frequentano gli istituti scolastici del territorio.

I cinque plessi in cui verranno installati i dispositivi sono: la scuola dell’infanzia del capoluogo “Luigi Pirandello”, la scuola dell’infanzia della frazione Quattro Strade “Infanzia Quattro Strade”, la scuola primaria del capoluogo “Galileo Galilei”, la scuola primaria di Santa Colomba “Santa Colomba” e la scuola secondaria di primo grado “Enrico Fermi”.

Questa mattina, nel palazzo comunale di Bientina, erano presenti per salutare l'iniziativa il sindaco, Dario Carmassi, il presidente del Consiglio comunale con delega alla Scuola, Samuele Baroni, il presidente dell'associazione Cecchinicuore onlus, dott. Maurizio Cecchini, e il colonnello della 46esima aerobrigata, Gianluca Girelli. Per l’occasione non hanno fatto mancare la partecipazione anche l’associazione Arma aeronautica di Bientina nelle figure del presidente, Piero Picchi e del vice presidente, Enzo Pozzolini e Vania Bacci, collaboratrice scolastica dell’Istituto scolastico Iqbal Masih, destinatario della donazione.

"Una catena di solidarietà e di regali fondamentale per salvare vite - ha commentato il sindaco -. Un grazie particolare da parte dell’amministrazione va alla 46esima brigata aeronautica e alla Cecchinicuore onlus per la generosa donazione. Il nostro istituto comprensivo, pur molto attivo, attualmente era sprovvisto di questi strumenti. Non dobbiamo dimenticare che i nostri ragazzi sono l’anello finale di questa catena di solidarietà e devono essere tutelati il più possibile".

"I defibrillatori automatici - ha aggiunto Carmassi - contribuiranno sicuramente ad aumentare la salvezza in situazioni di questo tipo. Dobbiamo prenderci incarico, come amministratori, di procedere in questa direzione e contribuire a fare questo genere di acquisti".

"Dopo la richiesta da parte della scuola di installazione dei Dae e dell’attivazione dei corsi per utilizzarli - ha ricordato il consigliere Baroni -, il Comune di Bientina si è adoperato personalmente affinché questi potessero essere messi a disposizione dell’Istituto. Abbiamo subito preso i contatti con la Cecchinicuore onlus perché ciò potesse avvenire in tempi rapidi, dal momento che è una fra le associazioni più competenti e attive in materia. Oltre ai Dae l’associazione ha fornito tutta la segnaletica obbligatoria (e non) per l’individuazione delle postazioni e l’utilizzo del dispositivo".

Il progetto mette al centro i ragazzi, sottolineando l’importanza di dotare i plessi scolastici di quegli strumenti essenziali che possono essere dei veri e propri salvavita nei momenti critici: i defibrillatori automatici. Per utilizzarli, dovrà essere effettuata una formazione per i docenti dei vari plessi, che verrà seguita gratuitamente dall’associazione Cecchinicuore onlus di cui è fondatore il cardiologo Maurizio Cecchini.



Tag

Manovra, Zingaretti: «Ottimi segnali per equità»

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Sport

Cronaca

Spettacoli