QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PONTEDERA
Oggi 20°21° 
Domani 18°28° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdera, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdera
lunedì 19 agosto 2019

Attualità sabato 14 febbraio 2015 ore 15:05

"Canone concordato, perché non a Ponsacco?"

Il consigliere della lista La città di tutti, Roberto Russo: "Nel centro Italia questi contratti sfiorano il cinquanta per cento dei casi, qui no"



PONSACCO — Perché il canone concordato non si applica a Ponsacco?” E' la domanda che si fa il consigliere di minoranza Roberto Russo. Secondo l'esponente della lista La città di tutti l'Amministrazione ponsacchina: “Non sembra nutrire grandi progetti di prospettiva. A parte le facilissime polemiche, ricordo che nelle regioni del centro Italia l'applicazione del canone concordato per le abitazioni sfiora il 50 per cento dei casi e che il risparmio, tra un abbattimento complessivo della spesa e con una cedolare secca del 10 per cento consentirebbe a proprietari ed inquilini di dormire sonni tranquilli. Mi si dice che a Ponsacco non si raggiungerebbe l'accordo per la mancata riduzione dell'Imu”.

Secondo Russo la mancata riduzione dell'Imu potrebbe essere aggirata così: “Sarebbe meglio tradurre questo eventuale risparmio fiscale in un Fondo di emergenza per le famiglie dei senza lavoro e degli indigenti, che in città sono ormai troppi e che troppo spesso si trovano difronte all'impotenza degli uffici comunali e di quelli del Comune Unione Valdera. Altri soldi potrebbero venire da una profonda revisione dei capitoli di spesa del sociale (da mesi ho inoltrato uno specifico atto a riguardo), dove troppi contributi a pioggia ad associazioni non trovano sempre (e non generalizzo) corrispettivo in servizi di pubblica utilità. Servirebbe un coordinamento autonomo delle associazioni attraverso la costituzione di una Consulta delle associazioni, alla quale il Comune dovrebbe dare solo regole e supporto organizzativo, ma non governance. L'opposizione è, come sempre, pronta a dare il proprio contributo, ma nell'ottica di un progetto di ampio ed equanime rilancio dell'intera città di Ponsacco”.

Russo ha provato a farsi chiarezza in Consiglio comunale: “Si aspetta da tempo che anche a Ponsacco si applichi il canone concordato. Secondo fonti comunali ci sarebbe una trattativa in corso, ma non è dato sapere, soprattutto a chi siede in Consiglio comunale, chi la stia conducendo e con quali associazioni del territorio, rappresentative dei proprietari degli immobili e degli inquilini. Le gravi condizioni economiche di ampie fasce della popolazione, la continua perdita di posti di lavoro non consentono lentezze e lungaggini” conclude Russo.



Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Attualità

Cronaca

Cronaca