QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PONTEDERA
Oggi 17°27° 
Domani 18°29° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdera, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdera
lunedì 26 agosto 2019

Attualità domenica 02 aprile 2017 ore 12:44

Assegnato il titolo italiano dei potini

Alessandro Di Lena con Barbara Alfei e Franco Famiani
Foto di: Marcella Bitozzi

Il vincitore assoluto si chiama Alessandro di Lena, proviene dal Molise ed è appena maggiorenne. Miglio squadra la regione Marche



PONSACCO — Si è svolta ieri, 1 aprile 2017, all'Agriturismo San Martino di Ponsacco, la XV gara di potatura dell'olivo a vaso policonico, II in Toscana.

La kermese ha preso il via con il saluto della Sindaca Francesca Brogi.

Vincitore assoluto Alessandro Di Lena del Molise, al quale è stato assegnato oltre al premio di vincitore assoluto, anchela targa per miglior potino più giovane, classifica per i partecipanti dai 16 ai 21 anni.

Dieci le targhe consegnate ai primi dieci classificati. Tra questi Maria Cosima Deiana, della Sardegna, una delle tre rappresentanti il gentil sesso presenti che ha conquistato il 5' posto nella classifica finale.

La targa per miglior squadra, con tre potini nella classifica finale è stata assegnata alla Regione Marche.

Nessun premio alla squadra Toscana, sia pure composta dai bravissimi e navigati potatori come Matteo Kovatz, Riccardo Bandecchi, Lorenzo De Laurentis, Adriano Gasperini e Andrea Giglioli e Giuiseppe Calamiello primo classificato alla selezione regionale.

Sessanta i potini in gara, che non si sono risparmiati ed hanno dato prova della loro bravura a colpi di forbici e svettatoi, rigorosamente da terra, secondo il metodo “a vaso policonico” che oltre a ridisegnare le piante con tecniche nuove abolisce nettamente la scala.

La gara è stata organizzata dal Comitato Gocce d’oro di Casciana Alta in collaborazione con Assam Marche, Olivo e Olio e Nova Agricoltura.

“Nessun rimpianto – ha detto il professor Franco Famiani dell’Università di Perugia e Presidente della giuria – per coloro che non si sono classificati, perché – ha detto ancora Famiani – le piante non sono tutte uguali e anche con il massimo scrupolo della giuria nella loro scelta, alcune di esse presentano difficoltà maggiori nella potatura”.

Tra gli ospiti tanti studenti, tra cui 50 ragazzi delle classi terze, quarte e quinte dell’Istituto Tecnico Agrario Alvito di Frosinone e accompagnati da quattro insegnanti e dal Dirigente dottor Gianfranco D’Andrea.

“Siamo partiti da Frosinone – dice il dirigente – per venire in Toscana; abbiamo visitato Pisa, Lucca, le terre del brunello, ma lo scopo della gita era assistere a questa giornata. E’ stato molto interessante – continua il dottor D’Andrea – scoprire questo nuovo metodo di potatura – quello a vaso policonico – per poterlo confrontare con i metodi tradizionali praticati nei nostri luoghi”.

Tra i ragazzi, tutti appassionati di agricoltura, Alessandro che da grande farà il veterinario, Matteo, e tante ragazze. A tutti è stato rilasciato l’attestato di partecipazione che varrà come credito di studio.

Tra i concorrenti anche Mamoutou Tonkari, del Mali, arrivato in Italia con un barcone e che fa “il potino” di professione.

Nel workshop del pomeriggio, hanno parlato nomi illustri del mondo dell’olivo, Barbara Alfei dell’Assam, Bruno Bagnoli dell’Università degli studi di Tuscia, Fabrizio ilippi Presidente dell’IGP Toscano, Riccardo Gucci dell’Università di Pisa, Sandro Nardi Assam, Marco Vieri Gesaaf.

A tutti i partecipanti sono stati offerti omaggi e la merenda del potatore delle 13 da parte dell’organizzazione.

Il Presidente del Comitato Gocce d’oro di Casciana Alta che da anni si occupa di corsi di formazione e di organizzazione di competizioni regionali e per la seconda volta nazionale, Luciano Castellini, ha fatto sapere che il Comitato continuerà nella sua attività che aiuta il paesaggio, il turismo e incrementa l’agricoltura a cui si stanno avvicinando tanti giovani. E approfitta per anticipare che il Comitato ha già programmato due corsi di formazione per il 2018, nel mese di febbraio, di cui uno di base ed uno avanzato che sarà il trampolino di lancio per la costituzione di un Albo Regionale Toscano di potini professionisti. I tempi sono duri - dice Castellini - e il Comitato ha potuto organizzare una manifestazione come questa grazie al contributo di aziende del settore come l'AIMA di Crespina, Pardi di Cascina, IGP Toscano, e al Comune di Fauglia e della Banca di Lajatico e ad aziende come l'agriturismo San Martino che ha ospitato la manifestazione a titolo completamente gratuito".

"E' opportuno anche sottolineare - conclude Castellini - che si deve alla sensibilizzazione e alla costanza di uomini come Adriano Gasperini di Montespertoli veterano e grande appassionato del mondo della potatura che segue ed è di grande aiuto al Comitato Gocce d'oro nella sua attività".

La gara del prossimo anno non si svolgerà in Toscana, ma come da regolamento sarà scelta un’altra Regione d’Italia.

Marcella Bitozzi
© Riproduzione riservata



Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Cronaca

Attualità

Sport