QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PONTEDERA
Oggi 12° 
Domani 10°15° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdera, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdera
sabato 14 dicembre 2019

Attualità mercoledì 08 maggio 2019 ore 17:28

Inaugurato a Perignano lo "Sportello Donna"

Uno sportello per le politiche antiviolenza di genere che opereà nei locali del Comune per due volte alla settimana a Perignano e Casciana Terme



CASCIANA TERME LARI — Oggi, mercoledì 8 maggio 2019, a Perignano in Via Gramsci 166/A nella sede dello Sportello del Cittadino, è stato inaugurato lo Sportello Donna .

Un centro che nasce per dare sostegno alle donne vittime di violenza, per fare ascolto e aiutarle a uscire dal disagio e dal silenzio e sensibilizzare sul tema tutta l’opinione pubblica.

L’apertura di questo sportello rappresenta la realizzazione di un progetto il cui percorso è stato intrapreso da tempo dall’amministrazione comunale di Casciana Terme Lari in collaborazione con la Misericordia di Lari e le volontarie del “Fiore della vita”, un piccolo gruppo guidato da Daria Febe Aveta, che vittima anch’essa di violenza vissuta all’interno delle mura domestiche, lavora su questo tema da circa cinque anni.

Le operatrici hanno frequentato un primo corso di preparazione presso l’Associazione Eurinice di Pontedera e in seguito, un percorso formativo con tirocinio presso il CAV Frida Kalho Centro antiviolenza di San Miniato, riconosciuto dalla rete Regionale TOSCA a cui fanno capo tutti i centri antiviolenza autorizzati, e sono in grado di poter aiutare chi si rivolge a loro e di indirizzare le vittime verso un percorso di rinascita.

Il progetto nasce ed è operativo dal 2017, all’interno dei locali della Misericordia di Lari, con un numero di telefono a disposizione per le richieste di aiuto e un locale sede di laboratori creativi.

E’ nel 2017 che è iniziata una vera e propria “attività dedicata” all’informazione, rivolta a tutte le donne senza distinzione di età, di orientamento sessuale, di religione, stato sociale o provenienza geografica.

La gestione della linea telefonica dedicata 328 0530018 operativa dal lunedì al venerdì con orario 9:00 -12:00 e 15:00 - 18:00, ha ricevuto varie richieste di aiuto, provenienti da una platea di donne di qualunque età e da un territorio abbastanza vasto: Casciana Terme Lari, Crespina Lorenzana- , Pontedera, Ponsacco, Santa Maria a Monte e anche fuori provincia.

Aiuti psicologici, laboratori e segnalazione di casi di gravi disagi al banco alimentare della Misericordia di Lari, aiuti per un lavoro smistamento di materiale di prima necessità raccolto da donatori, iniziative e dibattiti sul tema, laboratori teatrali scrittura di testi e spettacoli, incontri nelle scuole, e tutto come dice Febe “con la giusta atmosfera di empatia in assenza di giudizio che incentiva la donna a confidarsi”.

È stata questa l’attività delle volontarie durante questi due anni di prima esperienza, una serie di interventi importantissimi ma che per poter essere garantiti al meglio necessitavano di un servizio di sportello adeguato e discreto.

L’Amministrazione comunale di Casciana Terme Lari particolarmente sensibile alle problematiche, ha accolto la richiesta delle volontarie e ha concesso in uso locali adeguatamente attrezzati anche di computer, macchine per ufficio e cancelleria, e linea telefonica ad uso esclusivo dello "Sportello Donna" inserito nell'elenco delle utenze comunali.

Nei locali della Misericordia di Lari continueranno le attività di laboratorio.

Il nastro è stato tagliato dal Sindaco Mirko Terreni, alla presenza della giunta comunale quasi al completo, del maresciallo dei Carabinieri di Lari, Francesco Sorbello, Elise Bianchi rappresentante della associazione Frida, della Priora della Misericordia di Lari Franca Mencacci, Olivia Picchi per le pari opportunità della Provincia di Pisa, e naturalmente di tutte le volontarie del progetto che stanno già crescendo come numero.

“E’ un punto di arrivo e anche uno di partenza” – ha detto Mirko Terreni; punto di arrivo perché lo sportello è operativo in una propria sede già da oggi, ma di partenza perché da qui comincia il lavoro duro delle volontarie, per allargare il territorio di intervento, per collegarsi alle altre associazioni, per essere sempre più concretamente operativo, contro la violenza sulle donne che non ha un solo volto, ma ne ha mille, e che non si manifesta solo in violenza fisica, ma anche economica, psicologica, di immagine e in mille altri stereotipi.

E Terreni ha concluso con un augurio a tutte le donne “Mi auguro – ha detto – che questo sportello diventi superfluo”.

Lo sportello rimarrà aperto a Perignano ogni mercoledì pomeriggio dalle 15 alle 18 e a Casciana Terme il sabato mattina dalle 9 alle 12, con la presenza di due operatrici d'ascolto.

E a chi pensa o crede che Febe e le altre abbiano percorso tutto il loro cammino, si sbaglia di grosso perché battagliere fino in fondo e con a capo una guerriera instancabile, programmano già altre dure battaglie, una di queste è il riconoscimento della figura come operatrice professionale.

Marcella Bitozzi
© Riproduzione riservata



Tag

Piazza Fontana, il giornalista del Corriere che era nella banca: «Mi salvò un caffè»

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Lavoro

Cultura

Attualità