comscore
Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 16:48 METEO:PONTEDERA10°  QuiNews.net
Qui News valdera, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdera
giovedì 03 dicembre 2020
Tutti i titoli:
corriere tv
Vaccino anti-covid, Ippolito: «Chi è stato positivo non dovrà farlo»

Attualità lunedì 12 ottobre 2020 ore 14:00

Stefano Bernardeschi, Ambassadeurs du pain

Stefano Bernardeschi

Stefano Bernardeschi si mette in gioco e la sua bravura viene premiata. Ieri a Verona un nuovo titolo di eccellenza "Ambassadeurs du pain"



CASCIANA TERME LARI — Stefano ce l’ha fatta, ieri a Verona con una cerimonia ufficiale, è stato "intrinizzato" col titolo di "Ambassadeurs du Pain".

Stefano Bernardeschi panettiere e pasticcere larigiano, che ha imparato il mestiere da suo padre Luciano che a sua volta lo aveva imparato da nonno Gino e che ora lo insegna al figlio Tommaso, quattro generazioni di artigiani di eccellenza con una attività che compie quasi il secolo, sfida sempre se stesso e come sempre ce la fa.

Per Stefano il suo lavoro è vera passione, e con la massima professionalità, usando prodotti antichi e quasi esclusivamente di origine toscana, Stefano sperimenta sempre cose nuove, ma nelle sue preparazioni insieme a quel tocco di novità, c’è sempre il rigoroso rispetto delle tradizioni.

Stefano, l’anno scorso, ha ottenuto il secondo premio a Milano al contest “un pane tutto nuovo”, sesta edizione del “premio pani speciali – un pane tutto nuovo”, una sfida tra tutti i panettieri d’Italia, e ha conquistato la medaglia di bronzo con la preparazione della “miglior colomba 2019” a Marina di Carrara, al concorso “I Migliori dolci Italiani 2019” indetto dalla Federazione Internazionale Pasticceria, gelateria e cioccolateria (FIPGC).

E da non dimenticare le torte nuziali di Stefano, sempre molto stravaganti e incredibili, davvero autentiche leccornie, e di cui una di queste ha visto la presenza del canale televisivo Real Time con il “si” di Vittoria e Matteo di San Romano nel loro matrimonio celebrato nel salone dei 500 a Firenze nel 2017.

Stefano ha presentato la sua candidatura ad Ambassadeur du pain, nel mese di febbraio scorso, con due tipi di pane.

Il pane che l’ha visto vincitore del contest a Milano “un pane tutto nuovo” preparato con quattro farine toscane antiche e prodotto normalmente nella sua panetteria ed uno preparato con due tipi di farina di grani antichi, una delle quali col nome di “tummina” di origine siciliana e regalata a Stefano da una signora siciliana.

La commissione ha esaminato i suoi prodotti e l’ha nominato Ambassadeur. Un titolo onorifico d’eccellenza che conta appena un centinaio di panettieri in tutta Italia.

Gli Ambassadeur, a gruppi di tre, partecipano a concorsi a livello mondiale, ed il prossimo è già fissato per il 2021.

Purtroppo per il momento, il gruppo toscano di Stefano è composto di soli due componenti, (Stefano ed un viareggino) ma è forte la speranza che il terzo arrivi quanto prima.

La Divisione Italia del gruppo Ambassadeurs du Pain la cui responsabilità è stata affidata a Piergiorgio Giorilli è nata da poco più di un anno, ma l’intero gruppo venne creato nel 2005 in Francia.

I professionisti che ne fanno parte, mirano a far crescere la panificazione italiana nel mondo, con lo scopo della difesa del prodotto “pane”, e con l’obiettivo di promuovere e trasmettere l’attività di panificazione, con particolare attenzione al valore nutrizionale del pane stesso.

Tra le missions dell’Associazione vi è quella di creare una vera rete internazionale, che coinvolga i 5 continenti e basata sul concorso “Mondial du Pain”.

QUInews Valdera segue da sempre le vittorie di Stefano Bernardeschi.

Marcella Bitozzi
© Riproduzione riservata



Tag

Programmazione Cinema Farmacie di turno


Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

CORONAVIRUS

Attualità