QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PONTEDERA
Oggi 10°13° 
Domani 12°14° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdera, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdera
domenica 15 dicembre 2019

Attualità domenica 14 giugno 2015 ore 12:30

Il Movimento Shalom in aiuto del Burkina Faso

Dal 2009 a oggi, grazie al volontariato e al contributo di enti e aziende, finanziati progetti e fornito assistenza. In programma due nuove iniziative



BIENTINA — I prossimi due appuntamenti di questo mese di giugno sono in programma giovedì 18 e venerdì 26.

Ma alla sezione di Bientina del Movimento Shalom è un continuo promuovere iniziative tutto l’anno: per beneficenza e per raccogliere i fondi da destinare alla realizzazione di progetti in Burkina Faso.

Giovedì 18, alle 20, cena di solidarietà (al prezzo di 19 euro) al ristorante Cigno nero di Bientina. E venerdì 26, alle 21, torneo di burraco, con buffet per tutti, nella sede della contrada Quattro Strade, in via Valdinievole. In entrambi i casi, per informazioni e prenotazioni, telefonare a Giuliano Bandecchi (deus ex machina del Movimento) ai numeri: 339 5910091 – 0587 755308.

Che spiega: “La nostra sezione è orgogliosa per aver realizzato un ulteriore progetto nel povero villaggio di Pouni a nord del Burkina Faso. Il villaggio che è stato adottato dal gruppo di Bientina assieme a un ragazzo del posto. E anche se non siamo blasonati rispetto ad altre sezioni, siamo però molto attivi e impegnati nella realizzazione di progetti in nome e per conto di Shalom”.

Doveroso citare i volontari che fanno parte del gruppo bientinese: Pina Sgarzi, Barbara Lelli, Ida Toncelli, Velia Galimberti, Maria Chiara Boldrini, Maria Bagnoli, Annalia Lucchesi, la collaboratrice Laila Calmassi e il coordinatore Giuliano Bandecchi che periodicamente (l’ultima volta a febbraio) si reca in Burkina per verificare la realizzazione dei progetti e constatare cosa altro c'è da fare per migliorare la qualità di vita degli abitanti del villaggio.

La sezione di Bientina è nata nel 2009 a seguito del primo viaggio in quel martoriato paese dell’Africa occidentale. E da lì in un crescendo di iniziative, in una sorta di asse Bientina-Burkina Faso.

Il primo dono: un asino, un carretto, un aratro, un erpice e un sacco di riso a una povera famiglia di lì.

Nel 2011: realizzato un impianto di irrigazione e riparata la pompa di un pozzo nel villaggio.

Nel 2013: ristrutturato un modesto edificio adibito a luogo di incontro fornito di modesto arredamento ed elettricità. Concesso micro-credito a 30 donne per iniziare attività lavorativa. Riparata pompa del pozzo alla scuola primaria.

Nel 2015: ampia ristrutturazione della scuola primaria, con tinteggiatura interna ed esterna, costruzione di sei latrine, cucina con annesso magazzino. Acquistati 80 banchi, sei sedie imbottite per gli insegnanti. Allacciamento elettricità ed impianto elettrico nelle aule ed esterno.

“La realizzazione dei progetti – riprende Bandecchi - sono frutto di impegno costante dei volontari i quali per reperire i fondi necessari organizzano diverse iniziative: sottoscrizione annuale a premi, partecipazione a mercatini, organizzazione cene, tornei di burraco, spettacoli teatrali. Indubbiamente tutto ciò non sarebbe sufficiente se anche aziende e Istituti di credito non dessero il loro contributo. Doveroso ricordare e ringraziare chi è stato a noi più vicino: Comune di Bientina, Bcc Valdinievole, Banca di Pisa e Fornacette, Rotary Club di Castiglioncello, Impresa Edile Gaggini, Crastan Spa e Carrozzeria Tiglio. Vanno ricordati e ringraziati anche i privati che credono nei valori universali di Shalom: pace, solidarietà, cooperazione e nella nostra attività che è diventata quasi una missione. Offrire infatti aiuto a chi è bisognoso come gli abitanti di Pouni è gratificante. Quando vediamo la gioia di chi riceve aiuto è una sensazione incommensurabile, che ti commuove tanto da programmare subito un altro progetto. L'ultima circostanza è febbraio si è toccato il massimo. Infatti nella cerimonia di accoglienza alla scuola oltre alla presenza di molte autorità (funzionario ministero agricoltura, polizia, ispettrice scolastica, consigliere pedagogico) è stata organizzata una festa, con balli, tanto di cantante e presentatore e saggi degli alunni, come avviene nei veri spettacoli. In quest'ultimo viaggio è stata presa in considerazione, dietro consiglio di Suor Sabine, la costruzione di un asilo a Fuda N' Goumea, mentre a Pouni sono previsti: un finanziamento in favore di 60 donne, l’acquisto di due computer e stampante da donare alla scuola, un contributo di  mille euro per la mensa della scuola. La costruzione dell'asilo avrà un’ulteriore valenza in quanto l’opera sarà finanziata quasi totalmente dalla famiglia in nome della loro cara figlia Marisa, scomparsa prematuramente: volontaria di Shalom di Bientina, prima di morire espresse la volontà di aiutare i più bisognosi”.

La sezione è aperta a tutti. Coloro che volessero contribuire all’attività del Movimento, possono telefonare al numero 0587 755308.



Tag

Dai Girotondi alle Sardine:l'abbraccio tra le generazioni della sinistra

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Attualità

Cronaca

Attualità