QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PONTEDERA
Oggi 7° 
Domani 11° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdera, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdera
giovedì 12 dicembre 2019

Attualità domenica 11 ottobre 2015 ore 15:30

Il Nobel raccontata dal vicino di casa

Doriano Bini aveva conquistato la fiducia di Alexievich: "Spesso veniva a trovarci, mi aveva dato le chiavi di casa sua". La dedica sul libro



PONTEDERA — “Abitava nell’appartamento sotto al nostro, abbiamo un ottimo ricordo di Svetlana”. Doriano Bini, oggi residente al Romito, è una delle persone di Pontedera che più da vicino ha conosciuto Svetlana Alexievich, il premio Nobel 2015 per la letteratura che nel 2000 ha vissuto in Valdera per un anno, nel quartiere stazione in via Fiumalbi.

Alexievich era ospite in Toscana con un progetto della Regione che dava accoglienza a intellettuali e artisti che erano in pericolo a vivere nel proprio stato: “Parlava solo russo - dice Bini - aveva un'interprete che però non stava sempre con lei. A volte suonava il campanello e mi passava il telefono, l'interprete mi spiegava la richiesta di Svetlana e io gli davo una mano”.

La scrittrice bielorussa ha anche lasciato un libro con dedica a Bini: “E' un bel messaggio - interviene il figlio di Doriano, Francesco - Svetlana scrisse: 'Caro Doriano, per ricordare il nostro incontro, la nostra amicizia con la quale ho migliorato la mia vita in Italia'".

"Il ricordo che abbiamo in famiglia - riprende Doriano - è positivo, era una persona molto gentile e rispettosa, era quasi sempre impegnata a scrivere”. Bini aveva conquistato la fiducia della scrittrice: “Spesso era in viaggio all'estero così mi lasciava le chiavi di casa per controllarla e per accendere i riscaldamenti al suo ritorno. Spero che l'invito del sindaco a tornare a Pontedera si realizzi. Ci farebbe piacere rivederla e complimentarci per il Nobel”.



Tag

Mes, Conte: «L'Italia non ha nulla da temere, il nostro debito è sostenibile»

Ultimi articoli Vedi tutti

Sport

Cultura

Cronaca

Attualità