Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 22:11 METEO:PONTEDERA14°27°  QuiNews.net
Qui News valdera, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdera
venerdì 24 settembre 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Onorificenza a Liliana Segre, Casellati si commuove: «Lei ha trasformato l'orrore in memoria»

Attualità mercoledì 24 giugno 2015 ore 17:45

Le critiche di Progetto Comune al bilancio

Franco Cavallini e Marianella Marianelli

Dopo la discussione del documento preventivo 2015 Cavallini e Marianelli si dichiarano delusi. Invettiva contro il sistema raccolta rifiuti



PECCIOLI — Sono delusi Franco Cavallini e Marianella Marianelli dopo la presentazione, in Consiglio comunale, del bilancio di previsione 2015.

I due esponenti di Progetto Comune scrivono: “Il sindaco non è stato in grado di replicare a nessuno dei nostri rilievi e, per la verità, invece di affrontare i temi sollevati si è lanciato in un'invettiva contro tutto e tutti pur di non entrare nel merito, in un misto di arroganza e superficialità che ne ha messo a nudo le difficoltà”.

Secondo l'opposizione: “Dai dati si rileva in maniera evidente la totale subordinazione del bilancio pubblico a quello della partecipata Belvedere. Le misure adottate vengono definite rigorose, quando in realtà sono inutilmente opprimenti. Si gioca tutto in difesa di un rigore contabile necessario a stabilizzare i conti del Comune, condizione di cui il sindaco addossa le responsabilità alla precedente amministrazione Crecchi, cercando di accreditarsi come salvatore della patria quasi fosse capitato qui e non fosse, come è stato, il burattinaio di tutte le scelte politiche degli ultimi anni. Con il bilancio di previsione un'amministrazione pubblica compie le scelte politiche fondamentali, dispone le risorse finanziarie per il welfare, le opere pubbliche, gli interventi; prevede le spese e stima le entrate, usa discrezionalmente l'avanzo di amministrazione dell'anno precedente.

Nel bilancio di previsione 2015, indegno del Comune di Peccioli, non riusciamo a trovare niente di tutto questo. Appare invece come una serie inutile, o peggio ancora, dannosa, di misure che condizioneranno in negativo il tessuto sociale”.

Altri aspetti controversi secondo Cavallini e Marianelli: “Di contro, la Fondazione Peccioliper non ha subito tagli di rilievo e continua a proporre un calendario che non ha certo risentito delle ristrettezze, al contempo alle associazioni sono stati quasi azzerati i contributi, alcune iniziative avrebbero meritato migliore trattamento (la gara ciclistica di respiro internazionale di Fabbrica ad esempio) e sarebbe stato meglio rivedere un'offerta culturale che coinvolge i cittadini solo passivamente”.

In conclusione Progetto Comune critica il sistema di raccolta rifiuti a Peccioli: “Ci vuole una raccolta differenziata seria che porti la percentuale attuale ad un risultato degno di una comunità avanzata. Non può un Comune come Peccioli veleggiare sotto il 30 per cento, quando oramai tutti i comuni, pur non avendo impianti sul territorio, raggiungono percentuali dell'80 per cento”.

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Vigili del Fuoco sul posto per spegnere il rogo. Una persona ustionata è stata soccorsa dal 118. Ad andare a fuoco una tappezzeria
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Federica Giusti

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

CORONAVIRUS

Cultura

Attualità

Attualità