Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 14:26 METEO:PONTEDERA16°28°  QuiNews.net
Qui News valdera, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdera
sabato 25 settembre 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Canarie, nuova eruzione nella notte: il video ad infrarossi mostra le spettacolari colate laviche

Lavoro lunedì 13 settembre 2021 ore 18:01

"Basta morti sul lavoro"

Il sindacato di base e Flai Cgil hanno espresso cordoglio e vicinanza alla famiglia dell'operaio morto ieri a Ghizzano in una tenuta



PECCIOLI — La morte dell'operaio di 33 anni, avvenuta ieri nella tenuta La Piappina di Ghizzano, è l'occasione per riparlare delle troppe morti sul lavoro che avvengono in Italia.

Il sindacato di base di Pisa è intervenuto al riguardo: "Basta morti sul lavoro. Ieri l’ennesima morte in provincia di Pisa, nei primi 6 mesi dell’anno sono state 538 le morti sul lavoro in Italia dai dati Inail, una media di oltre 50 decessi al mese".

"Esprimiamo - hanno detto da Sgb - la nostra vicinanza alla famiglia e ribadiamo la nostra rabbia di fronte all’ennesimo lutto di questa strage quotidiana. Le condizioni di lavoro peggiorano ogni giorno di più. La normativa in vigore e le sanzioni in essere non sono evidentemente in grado di fermare la strage, quindi c’è bisogno di individuare strumenti che inducano il padronato ad adottare vere misure a tutela dell’integrità fisica dei propri dipendenti ea rispettare le norme già in vigore. Così come occorrono massicci investimenti pubblici per aumentare il personale degli Ispettorati del Lavoro".

Anche da Flai-Cgil è arrivato un messaggio per i familiari dell'uomo di 33 anni e per criticare le continue morti sul lavoro: "Una morte inaccettabile, l’ennesima in una strage che sembra non aver mai una fine. Flai-Cgil esprime vicinanza e cordoglio alla famiglia di Singh Ji-tendra".

"Riscontriamo ancora una volta - hanno aggiunto da Cgil - come non venga fatto abbastanza nei luoghi di lavoro per la prevenzione e la sicurezza, e lo dimostrano purtroppo i numeri di infortuni che si verificano quotidianamente. Non sempre è il fato a decidere quando sia giunta la tua ora, ma la mancanza di una vera cultura alla sicurezza. È inaccettabile morire ancora così nel 2021".

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Il dato è uguale a quello di ieri e in leggera salita rispetto agli ultimi giorni. I comuni interessati ai contagi sono 7
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nicolò Stella

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Politica

Cronaca

Politica

Cronaca