Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 00:05 METEO:PONTEDERA14°24°  QuiNews.net
Qui News valdera, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdera
sabato 15 giugno 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Commesso eroe salva la collega dal rapinatore con la pistola puntata

Attualità domenica 19 novembre 2023 ore 09:45

Fusione, "Manifesti autorizzati, basta propaganda"

A sinistra, la Pieve di San Verano di Peccioli; a destra, la Chiesa di San Leonardo di Lajatico

Il Comitato Lajatico non è... fusione replica a Macelloni e prosegue nella sua campagna: "Promesse vuote e slogan, noi siamo tranquilli"



PECCIOLI-LAJATICO — I manifesti del Comitato Lajatico non è... fusione, affissi in vista del referendum dei prossimi 10 e 11 Dicembre e contro la fusione tra Peccioli e Lajatico, continuano a far discutere. Dopo una prima risposta del sindaco Renzo Macelloni è arrivata anche la replica degli stessi componenti del Comitato.

"Continuiamo campagna contraria al progetto di fusione - hanno scritto in una nota - il sindaco di Peccioli, invece, avendo fatto finora una becera propaganda, cerca di spostare la discussione: definisce inqualificabili e offensivi i manifesti. Ci domandiamo: in che modo? Macelloni è l’unico a far campagna elettorale, promettendo soldi e miracoli, quindi rimandiamo al mittente gli aggettivi sull’inappropriatezza".

"Ancora una volta il sindaco di Peccioli si arroga il diritto di parlare anche a nome di Lajatico - hanno proseguito - cerca di ribaltare la situazione erigendosi a paladino della correttezza, quando durante gli incontri proprio lui ha proposto di firmare un contratto che permetta tra 4 anni di rifare un referendum per dare la possibilità a Lajatico di tornare indietro. Una falsità assoluta pensata per il consenso".

Sui manifesti, inoltre, il sindaco Macelloni aveva sollevato anche una questione sulla violazione della legge elettorale. "Se abbiamo commesso una leggerezza ce ne assumiamo la responsabilità - hanno scritto dal Comitato - ma sul contenuto un sindaco serio accetta la diversità di pensiero e di visione. Suggeriamo al sindaco di smetterla di fare propaganda, anche perché forse è il primo a rasentare l’illegalità, visto che per convincere a votare a suo favore ha realizzato una brochure delle meraviglie, senza poter poi garantire niente e utilizzando slogan duranti gli incontri che lo qualificano". 

"La storia del nostro glorioso Comune è stata costruita senza i soldi del sistema Peccioli e può continuare a farlo anche nel futuro - hanno concluso - le minacce e le prepotenze non ci interessano, per fortuna viviamo in uno Stato di diritto e libertà. Le affissioni sono state fatte e pagate regolarmente su autorizzazione dei suoi uffici: andiamo avanti tranquilli e determinati con i nostri incontri grazie alla forza dei fatti e delle nostre posizioni, libere da interessi".


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Oggi, a Bientina e Ponsacco, i funerali dei due amici che hanno perso la vita nell'incidente all'aviosuperficie. Avevano 41 e 59 anni
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Federica Giusti

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Cronaca

Attualità