QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PONTEDERA
Oggi 12° 
Domani 12° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdera, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdera
domenica 17 novembre 2019

Attualità venerdì 17 febbraio 2017 ore 11:12

La sindaca risponde ai genitori dell'asilo

Foto d'archivio

Francesca Brogi parla dell'imminente chiusura della struttura: "E' un immobile privato. L'Amministrazione non può decidere, ma può aiutare"



PONSACCO — L'asilo di San Giuseppe viaggia verso la chiusura. La mancanza di personale (solo due suore) e la scarsità di risorse non permettono la serena continuità del servizio. Nei giorni scorsi i genitori avevano indirizzato una lunga lettera alla sindaca Francesca Brogi  chiedendo una sforzo per scongiurare la chiusura della scuola.

In risposta alla lettera, Brogi precisa subito che "L’asilo San Giuseppe è un’istituzione di natura privata, le cui attività didattiche si svolgono nell’immobile di proprietà dell’Ordine delle Suore Terziane e sono gestite dalla cooperativa Liberi di Educare, come gli stessi genitori hanno ben illustrato nella lettera".

"Considerata la natura privata della scuola, dunque, si può facilmente comprendere come il Comune non abbia la possibilità di rivestire un ruolo decisionale nella gestione dell’istituto e men che meno dei locali di via dei Mille".

La sindaca non rinnega la funzione pubblica svolta dalla scuola: "Per questi motivi - scrive - appena venuti a conoscenza della situazione, abbiamo messo a disposizione la consulenza dei nostri uffici per agevolare la scelta di una sede alternativa".

"Sapevamo di alcune trattative in corso e solo adesso, trascorsi alcuni mesi dall'ultimo incontro, siamo stati messi al corrente del mancato buon esito di quest’ultime. - prosegue Brogi. - Il Comune non può sostituirsi al privato nell’investimento né nei costi di gestione. Tuttavia, così come abbiamo sempre fatto, l’Amministrazione comunale si renderà disponibile ad assumere un ruolo di mediatore e di stimolo per la scelta di una nuova sede".

"Da questo punto di vista e alla luce del recente incontro avvenuto con la cooperativa, ci siamo già attivati per sondare le possibili strade da percorrere. Chiediamo, e siamo convinti che non mancherà, la stessa attenzione e disponibilità agli enti religiosi preposti, così come all’intero mondo cattolico, il cui sostegno è decisivo per il raggiungimento dell’obiettivo. Mi preme precisare altresì che, in caso di chiusura, il servizio scolastico per gli alunni della San Giuseppe non è affatto in discussione".

"Tutti i bambini - dichiara al sindaca - potranno trovare il loro posto all’interno del nostro istituto comprensivo. In via preventiva infatti ci siamo mossi assieme alla dirigente scolastica affinché il servizio venga garantito. Si tratta tuttavia di una ipotesi che vorremo evitare e faremo tutto quello che ci compete per trovare una soluzione di continuità". 

Rispetto alle richieste di chiarimento sul cambio di destinazione d’uso dell’immobile di proprietà delle suore, Brogi dichiara inoltre di non aver ricevuto alcuna richiesta al riguardo, né alcuna domanda di riqualificazione dell’immobile: "Ovviamente per l’Amministrazione comunale la possibilità che la scuola San Giuseppe chiuda costituisce una prospettiva da scongiurare - conclude la sindaca - e lavoreremo perché non si realizzi, nell’auspicio che essa venga evitata in prima istanza da chi ha il potere di prendere decisioni diverse in merito".

"Ce lo auguriamo per il bene degli alunni, degli operatori che vi lavorano e perché la presenza di una realtà educativa così importante è un valore aggiunto per l’intero territorio di Ponsacco".



Tag

Acqua alta a Venezia, sui social si sdrammatizza così

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Sport