QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PONTEDERA
Oggi 11° 
Domani 9° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdera, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdera
martedì 10 dicembre 2019

Attualità martedì 05 novembre 2019 ore 09:04

La staccionata fa insorgere Val di Cava

La staccionata di Val di Cava

Alcuni residenti della frazione sul piede di guerra con l'amministrazione comunale per una staccionata in legno posta lungo via delle Colline



PONSACCO — La viabilità della frazione ponsacchina di Val di Cava è sempre stato un gran grattacapo per tutte le amministrazioni comunali che si sono succedute, da venti anni a questa parte. Ancor di più per i residenti, alle prese con una via delle Colline trafficatissima che rende difficile uscire dalla frazione e, anche da quando è stato installato il semaforo, le cose non è che siano molto migliorate.

Oggi si aggiunge un nuovo capitolo all'annosa questione, in attesa che venga realizzata una rotatoria: in vista dell'apertura del nuovo tratto di via Cavalcanti, pensato per collegare le due "sottofrazioni" di Valdicava, è stata realizzata una staccionata lungo via delle Colline. Nello specifico, la staccionata in questione è stata pensata come dissuasore, riguardo al quale avevamo già scritto (Val di Cava, via Cavalcanti non sarà una variante): "dissuasori che impediscano agli automobilisti provenienti da Treggiaia di svoltare nella nuova strada per evitare il semaforo", aveva specificato l'assessore Massimiliano Bagnoli.

A far le spese dei dissuasori, però, oltre agli automobilisti provenienti da Treggiaia sarebbero anche e soprattutto i residenti di Val di Cava lato Treggiaia.

"Sembra che l’amministrazione Provinciale o Comunale di Ponsacco abbia ben pensato per risolvere un problema di viabilità di chiudere l’accesso diretto sulla strada a noi che siamo residenti qui da oltre 50 anni - ha scritto Alessandro Argelli - ,ed obbligandoci a fare un percorso ad ostacoli in via Morandi, dove a mala pena passa una macchina,strada a senso unico alternato,fino a giungere finalmente al semaforo ed immetterci nella provinciale. Senza pensare ad emergenze, ambulanze od altri mezzi di soccorso, che si troverebbero costrette a passare in questo cunicolo ostacolate dalle macchine parcheggiate.Ma perché ci volete costringere ad affrontare tutto questo quotidianamente ogni volta che dobbiamo uscire, senza pensare al maggiore traffico all’interno del paese. Ma non era più semplice mettere un accesso consentito solo ad i residenti. I non residenti che necessita hanno a dovere passare in quella strada per raggiungere la scuola od il “centro storico”?"

Secondo questi cittadini, inoltre, la staccionata sarebbe "piovuta dal cielo" ma l'assessore Bagnoli ricorda di aver informato i cittadini a suo tempo con due assemblee pubbliche. Sempre Bagnoli, nei giorni scorsi, ha specificato che una volta che sarà aperta via Cavalcanti sarà diversamente regolato il semaforo - scatterà il verde non appena un'auto si avvicinerà per immettersi su via delle Colline - e la situazione sarà costantemente monitorata, per verificare se ci siano criticità ed approntare eventuali migliorie.



Tag

Morto Vannoni, quando difendeva il «metodo stamina»

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità