comscore
QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PONTEDERA
Oggi 21°23° 
Domani 18°30° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdera, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdera
lunedì 13 luglio 2020
corriere tv
Coronavirus, in arrivo nuove disposizioni in vigore dal 14 luglio

Lavoro venerdì 03 febbraio 2017 ore 14:53

"A Colaninno non gliene frega nulla degli operai"

Duro affondo dei Cobas sulla situazione Piaggio dopo l'incontro con l'amministratore delegato: "Serve una riunione generale dei dipendenti"



PONTEDERA — "Nel recente incontro tra sindacati e Piaggio, mister Colaninno ha fatto sfoggio della sua consueta onnipotenza, che grazie anche all’arrendevolezza  “strategica” delle segreterie Fim-Fiom-Uilm, è da sempre andata crescendo, ovviamente a danno degli operai, com’è provato dalle vicende degli ultimi anni".

L'affondo arriva dai Cobas in un comunicato al vetriolo, diffuso a pochi giorni dall'incontro fra l'amministratore delegato e i sindacati. I Cobas chiedeno una riunione urgente di tutti i dipendenti diretti, dell’indotto, degli appalti e dei subappalti Piaggio. 

"In quell’incontro - proseguono i Cobas - dove, tutto sommato, è stata annunciata una prospettiva che, del resto, era già in atto da tempo, il mister ha ribadito che dei destini dell’indotto in Valdera e del Polo Logistico, cioè della condanna al lastrico degli operai che vi lavorano, non gliene frega niente e che non gliene frega niente neppure degli operai Piaggio, perché dalle realtà produttive a salari stracciati dell’Estremo Oriente arriva già e può arrivare sempre di più quello che serve a sfornare il “made in Piaggio”, che avrà sempre meno bisogno di forza-lavoro della Valdera, la quale sarà, inoltre, sostituita anche dall’introduzione di dosi massicce di automazione e robotizzazione che, a quanto dice il mister, saranno inserite subito (entro pochi anni) nell’appalto del magazzino ricambi Piaggio di Pontedera". 

"Questo processo di espulsione di manodopera dal sistema Piaggio, battezzato Progetto Cen-tauro - spiegano i Cobas - si avvarrà dell’opera di venti ingegneri assunti per l’occasione e vedrà impegnata la scuola di studi Superiori Sant'Anna di Pisa, la quale ha già provveduto a farsi finanziare dalla Regione Toscana con la modica risorsa di 5 milioni di euro: cosa non si farebbe per garantire il business a mister Colaninno".

"Da parte di chi sta sul lato opposto della barricata, operai e sindacati, veri sindacati, è giunta l’ora di abbandonare l’assuefazione alla filosofia del “Non ci resta che piangere”, per mettersi insieme in un progetto di lotte che facciano saltare il “Progetto Centauro” e tutte le politiche scaraventate finora dal sistema Piaggio addosso a chi lavora: dipendenti diretti, dell’indotto, degli appalti e dei subappalti. Organizziamo quanto prima una riunione generale di tutte queste componenti".



Tag
 
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Cronaca

Cultura

Attualità