QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PONTEDERA
Oggi 18°26° 
Domani 17°26° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdera, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdera
giovedì 20 giugno 2019

Attualità sabato 28 luglio 2018 ore 13:00

Chi è il pontederese più celebre?

Enrico Piaggio

​Su Wikipedia si fanno addirittura una cinquantina di nomi, forse troppi e contrastanti con le vere celebrità



PONTEDERA — Chi è il pontederese, di nascita o di adozione, più celebre? 

Il campione del mondo di pugilato Sandro Mazzinghi che in un incontro di boxe attirò (1968) ben 60 mila spettatori allo stadio di Milano? Enrico Piaggio che anche col supporto dell'inventore Corradino D'ascanio lanciò a valori e prodotti mondiali (la Vespa, ovviamente) la fabbrichetta acquistata (1924) a Pontedera e nella quale hanno lavorato dalle 60 alle 70 mila persone in quasi un secolo? Giovanni Gronchi, secondo presidente della neonata Repubblica (1955-1962)? Il grande scultore (1290-1348) Andrea da Pontedera (ma il pisani dicono che era... pisano) titolare del più alto monumento cittadino? 

Nelle varie voci di Wikipedia - l'enciclopedia telematica curata da anonimi e che la gran parte degli studiosi consulta, magari non in esclusiva, senza ammetterlo perché è invalsa l'idea che questo facile mezzo di informazione sminuisca il lavoro degli storici, archeologi e così via - sono in verità citati una cinquantina di pontederesi celebri. Forse un po' troppi. Ma tutto dipende da cosa si intende per celebrità perché qualcuno, non di grande spessore, ha avuto soprattutto il "merito" di nascere all'ospedale Lotti di Pontedera. 

Se vogliamo, anche il capitano di Ventura Antonio da Pontedera (morto nel 1436 mentre non si conosce la data di nascita) che per tre volte penetrò e stazionò dentro le mura di Roma o magari gli altolocati podestà delle famiglie Medici, Pitti, Strozzi e così via, che per secoli governarono dal Palazzo Pretorio la Pons ad Heram ormai fiorentina. Oppure il ministro Togni e i sette deputati pontederesi che insieme a Gronchi (secondo dopoguerra) fecero di Pontedera la città più "politica" d'Italia in relazione alla sua numericamente modesta (siamo ancora sotto i 30 mila abitanti) popolazione. Mentre lo scienziato naturalista Giulio da Pontedera fu famoso nel '600-700 con tanto di statua dedicatagli a Padova. 

Si potrebbero fare altre citazioni, a esempio quello Riccardo Fogli che vinse un festival di Sanremo. Ma continuando si scenderebbe forse qualche gradino di celebrità. Se qualcuno vuol però suggerire altri nomi, Tuttopontedera è pronta a recepirli.

Mario Mannucci
© Riproduzione riservata



Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Imprese & Professioni

Politica

Politica