comscore
QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PONTEDERA
Oggi 14°23° 
Domani 16°23° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdera, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdera
venerdì 05 giugno 2020
corriere tv
Coronavirus, Bersani: «Con centrodestra al governo i cimiteri non sarebbero bastati»

Attualità martedì 04 febbraio 2020 ore 21:30

Controllo vicinato, primo incontro con i cittadini

Nel quartiere stazione l'assessore alle politiche sociali Cocilova ha spiegato il progetto che ha anche una valenza sociale. Come ci si iscrive



PONTEDERA — Una quindicina di persone ha preso parte al primo incontro pubblico che l'amministrazione comunale ha organizzato per illustrare il progetto di controllo sociale di vicinato, progetto già attivo in diverse città e paesi d'Italia e che dovrebbe prendere il via a Pontedera all'inizio dell'estate.

Prima, ha spiegato l'assessore alle politiche sociali Carla Cocilova, c'è da raccogliere le adesioni dei cittadini che vorranno dare una mano e scegliere un referente per ogni gruppo. 

Insieme a Cocilova erano presenti il capogruppo in consiglio comunale, Floriano Della Bella, che risiede proprio nel quartiere stazione e che è stato anche presidente della consulta di quartiere e l'ex assessore alle politiche sociali, oggi consigliere comunale, Marco Cecchi.

Il protocollo per il controllo sociale di vicinato è stato firmato qualche mese fa all’Unione Valdera e riguarda i sette Comuni che fanno parte dell'ente (oltre a Pontedera ci sono dunque Capannoli, Palaia, Casciana Terme Lari, Bientina, Buti e Calcinaia).

L'adesione al controllo sociale di vicinato è volontaria, ha chiarito Cocilova. I cittadini monitoreranno quanto accade nei quartieri. Il progetto illustrato dall'assessore ha anche un'importante finalità sociale. Infatti, oltre a segnalare i reati (per quelli si devono chiamare immediatamente le forze dell'ordine) i cittadini potranno segnalare sulla chat Whatsapp che verranno create, eventuali situazioni di marginalità, persone sole o persone in difficoltà economiche o altre situazioni che non abbiano niente di criminoso ma solo difficili situazioni di vita.

Cocilova ha spiegato che l'obiettivo dell'amministrazione è quello di dare anche "un valore di presidio, una valenza di sicurezza sociale" a questo progetto, definito "uno strumento di partecipazione diretta dei cittadini".

Per chi volesse iscriversi i moduli si trovano in Comune o sul sito dell'ente. C'è tempo fino al 3 aprile. Dopo verranno composti i gruppi, divisi per quartieri, e verranno eletti i referenti di ogni gruppo. Non ci sono numeri minimi o massimi da rispettare. 

Il quartiere stazione è uno dei più sensibili al tema sicurezza e al tema collegato della percezione della sicurezza. Cocilova ha spiegato che in questo quartiere le segnalazioni dei cittadini sono una costante già da tempo. 

Questo progetto ha l'obiettivo di fare rete e portare alla luce situazioni da migliorare. L'assessore ha chiarito che la priorità dell'amministrazione alla stazione è la rigenerazione, attraverso il recupero di spazi e l'incremento delle attività.

René Pierotti
© Riproduzione riservata



Tag
 
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità