Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 11:10 METEO:PONTEDERA18°31°  QuiNews.net
Qui News valdera, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdera
venerdì 01 luglio 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Boris Johnson si spaventa al saluto di Erdogan e gli sposta la mano

Attualità domenica 06 febbraio 2022 ore 07:00

Covid, Spagnola, nuovi nati e nomi patriottici

Parliamo di pandemia ma anche delle coppie prolifiche che oggi hanno diritto al bonus bebè ma senza un premio aggiuntivo per un nome patriottico



PONTEDERA — I contagi calano in Europa e in Italia, anche se molto a rilento. E si pensa che in questi primi mesi del 2022 la scomparsa dei contagi avverrà intorno a fine marzo, come era già era successo nei primi due anni di pandemia, quando il primo anno non c'erano i vaccini.

Cento anni fa, all'influenza fu dato il nome di "spagnola" poiché la sua esistenza fu lanciata per prima dai giornali spagnoli che erano rimasti fuori dalla prima guerra mondiale. E la sua stampa non era soggetta alla censura di guerra. Mentre gli altri Paesi riuscirono a nascondere la malattia tramite i mezzi d'informazione, "che tendevano a parlarne come di un'epidemia circoscritta alla Spagna".

Ora la situazione è molto migliorata per la presenza dei vaccini, ma siamo ancora abbastanza lontani, mentre in Valdera gli ultimi casi covid sono stati segnalati in circa 250 al giorno. Ma a quanto si dice, entro una settimana potranno-potrebbero riaprire i luoghi di ballo. Vediamo cosa succederà.

Parliamo anche d'altro. Abbiamo infatti scelto di segnalare le coppie prolifiche che attualmente hanno avuto diritto ai bonus bebè. La famiglia Anania di Catanzaro, a esempio, ha 16 figli. "Siamo solo cattolici - hanno dichiarato marito e moglie - che vogliono fare la volontà di Dio". E l'ultima dei nati è Paola.

Nell'Italia fascista, per ricordare il passato, venivano premiati con medaglie e ricompense economiche le madri di almeno 7 figli, viventi o caduti in guerra o per causa nazionale. E nel 1943 il numero fu ridotto a 6 per le vedove di guerra.

La ricompensa fu fissata in 5 lire per ogni figlio e, ecco la novità: "la cifra saliva a 15 lire se il figlio veniva chiamato con nomi patriottici come Benito - Mussolini era ovviamente in testa - Italo, Vittorio, Emanuele, Amedeo, Maria, Italia, Umberto e simili.

Tutti nomi importanti ma che divennero imbarazzanti per le famiglie a fine guerra perché non c'era più il fascismo. 

Mario Mannucci
© Riproduzione riservata


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
La Susa Trasporti ha deciso di installare una nuova filiale a Pontedera per coprire il mercato della Toscana. Franconi: "Un investimento importante"
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Federica Giusti

QUI Condoglianze

Qui Condoglianze - Elenco necrologi

Annamaria Filidei Ved. Toti

Giovedì 30 Giugno 2022
Onoranze funebri
MISERICORDIA Pontedera
Onoranze Funebri


Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità