Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 08:30 METEO:PONTEDERA16°21°  QuiNews.net
Qui News valdera, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdera
giovedì 29 settembre 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Giornalista nella furia dell'uragano Ian: si aggrappa a un cartello per non volare via

Attualità mercoledì 12 dicembre 2018 ore 17:00

Da allieve a insegnanti civiche

Un gruppo di nove ragazze e un ragazzo debuttano al Montale per battere bullismo e qualunquismo.



PONTEDERA — Mentre a livello nazionale avanza il progetto di ripristinare nelle scuole italiane l'ora di educazione civica abolita 28 anni fa, al Liceo Montale di Pontedera è già in atto qualcosa del genere. 

9 ragazze e 1 ragazzo (al Montale il sesso femminile è preponderante come lo era negli storici predecessori Istituti Magistrali ), diplomatisi nello stesso istituto nel luglio scorso, vi sono ora rientrati come "insegnanti" di civiltà, partecipazione attiva alla vita di tutti e comportamenti civici. 

Hanno anche un piccolo compenso derivato dallo stanziamento regionale indirizzato a queste iniziative e vanno nelle classi a confrontarsi con i quasi coetanei e al tempo stesso imparano loro come funziona lo Stato, nel suo complesso e nelle sue articolazioni, attraverso incontri con amministrazioni comunali, uffici del lavoro, settore sanitario e così via.

Soprattutto le quinte classi le considerano (parliamo al femminile dato il rapporto numerico) un po' come insegnanti vere e proprie, raccontano le protagoniste di questo innovativo esperimento, a volte guardandole con non troppa simpatia. Ma loro non si arrendono, mentre nelle classi inferiori trovano migliore accoglienza e riescono a suscitare più interesse sui temi del civismo e della partecipazione, termini e campi che si intersecano. 

Da oggi il gruppo è munito anche di un foulard azzurro arrivato dalla Regione, foulard che hanno indossato nell'incontro con la stampa - dopo quello con un funzionario comunale - presentato dall'assessora Liviana Canovai, consigliere Mattia Belli, preside Lucia Orsini e professor Marco Mannucci responsabile dell'esperimento.

Gli incontri-lezioni-dialoghi sono di due ore settimanali e vengono attuati a turno nelle classi al posto di quelle tradizionali imperniate sulla materie ufficiali. Nell'Italia democratica l'ora di educazione civica fu introdotta nel 1958 e fu abolita nel 1990, ora la si vuole reintegrare perché, come un po' tutti ormai dicono, il bullismo, il qualunquismo e peggio, che nascono anche dall'ignoranza, vanno in qualche modo frenati. 

E l'educazione civica fra giovani più o meno della stessa età può essere un mezzo per cambiare rotta.

Mario Mannucci
© Riproduzione riservata


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Sono due bambini di 10 anni gli aggressori che hanno schiaffeggiato e minacciato due coetanei. Allertato il Tribunale dei minorenni di Firenze
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Marco Celati

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Spettacoli

Cronaca

Attualità

Attualità