QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PONTEDERA
Oggi 10°11° 
Domani 15° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdera, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdera
martedì 19 novembre 2019

Attualità domenica 02 luglio 2017 ore 11:00

Duecento moto storiche al Museo Piaggio

​La 31esima edizione della rievocazione storica della gara motociclistica Milano-Taranto fa tappa in Valdera. Moto dagli anni venti fino ai settanta



PONTEDERA — Arriva a Pontedera la 31esima edizione della rievocazione storica della più lunga, avvincente e massacrante maratona motociclistica andata in scena fino al 1956, la Milano-Taranto.

La carovana multilingue unita dalla passione per i motori arriverà a Pontedera martedì 4 luglio alle 8,30. Dopo la visita al Museo e nuova partenza alle 10 per la seconda tappa cronometrata dal piazzale antistante il Museo. 

La corsa nacque, con il nome di Freccia del Sud nel 1919, un raid motociclistico da Milano a Caserta che nel 1932 diventò Milano-Napoli e nel 1937 Milano-Roma-Taranto. Si correva tutta d'un fiato, con la manetta del gas tirata sempre al massimo. Soste solo per il rifornimento e l'assistenza. Una maratona contro il tempo, massacrante, difficile e impegnativa.

Ultima edizione nel 1956, vinta da Pietro Carissoni, poi il tragico incidente di Guidizzolo, durante la Mille Miglia del 1957, segnò la fine delle competizioni stradali. Da 31 anni tuttavia, la Mi-Ta rivive grazie all'impegno e alla passione di Franco Sabatini, patron del Moto Club Veteran S. Martino di S. Martino in Colle (Pg).

I chilometri complessivi da percorrere nelle sei tappe dell’edizione 2017 sono 1709, giusto per non far mancare otto-dieci ore di sella al giorno ai coraggiosi partecipanti che quest’anno saranno 230.

Alla maratona, patrocinata dal comune di Pontedera, sono iscritte moto che vanno dagli anni ’20 fino agli anni ’70 di tutte le cilindrate, italiane e straniere compresi sidecar e scooter, tra cui non poteva mancare la Vespa presente con 7 esemplari la più antica costruita nel 1955. Ai tanti centauri italiani, quest’anno si affiancheranno australiani, giapponesi, cinesi e statunitensi, insieme ai consueti concorrenti europei (tedeschi, olandesi, finlandesi, austriaci, monegaschi, inglesi e francesi).

La prima tappa della Milano-Taranto parte dal capoluogo lombardo alla mezzanotte di domenica 2 luglio dall'Idroscalo milanese e si concluderà a fine mattinata del 3 luglio a Pisa, dopo aver scavalcato l'appennino tosco-emiliano e lambito le Alpi Apuane. Seconda tappa, tutta toscana, martedì 4 luglio da Pisa-Pontedera a Principina Terra, lungo strade punteggiate da cipressi e da viti.

Dal vino all'acqua, quella speciale di Fiuggi, nella terza frazione (mercoledì 5 luglio), passando dalla Toscana al Lazio. Tosta la quarta tappa (giovedì 6 luglio), la più lunga di tutte: da Fiuggi a S. Giovanni Rotondo, in Puglia, con arrivo davanti alla basilica di Padre Pio. Quinta frazione (venerdì 7 luglio) tutta in terra pugliese con traguardo a Bari.

Infine la classica Bari-Taranto (sabato 8 luglio) con le immancabili soste a Castellana Grotte, Martina Franca e Villa Castelli.

Saranno insomma sei giorni alla scoperta dell'Italia in compagnia delle moto d'epoca, Taurus, Ganna, Laverda, Guzzi, Devil, Perugina, MI VAL, Bianchi e Morini, Piaggio, Innocenti.

La sorpresa di quest'anno sarà rappresentata in particolare da tre Terrot 350 cc di fine anni Venti-inizio anni Trenta, francesine terribili: una sfida nella sfida perché si dovranno misurare con le coetanee Mas, Rudge e Vincent.

Categoria “Gloriose” ricca di rarità: Taurus, Ganna, Mas, Perugina, Devil, Bianchi Cervino, Mi Val, Morini Settebello, Guzzini, Laverda ed altre moto che alla Milano-Taranto hanno gareggiato sul serio. Categoria a parte per sidecar e scooter che comprendono 7 esemplari di Vespa, la piu vecchia delle quali costruita nel 1955 arrivata dalla Germania. Classe 500cc la più affollata, con, tra gli altri Gilera Saturno e Guzzi Falcone a profusione.



Tag

Caso Cucchi, Gabrielli: «Chi ha offeso dovrebbe chiedere scusa»

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Attualità

Politica

Attualità