Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 11:34 METEO:PONTEDERA20°33°  QuiNews.net
Qui News valdera, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdera
venerdì 12 agosto 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Nubifragio alle isole Eolie, le strade di Stromboli invase dal fango

Attualità domenica 01 maggio 2022 ore 07:00

Garibaldi e il "piazzone"

L'eroe dei due mondi parlò al popolo pontederese di prima mattina per cercare sostegni e volontari per la seconda spedizione a Roma



PONTEDERA — Mentre in quasi tutta l'Italia Garibaldi è ricordato con strade e piazze a lui dedicate, soltanto pochi hanno monumenti e o lapidi celebrativi. Nella nostra zona, luglio del 1867, l'eroe dei due mondi fu 'toccato' ufficialmente da Pontedera, Bientina e Buti. 

Garibaldi fu infatti ospitato per una quindicina di giorni in una casa nobiliare di Bientina e da li toccò le già ricordate zone. A cominciare, appunto da Pontedera dove Garibaldi parlò di prima mattina sul piazzone per cercare volontari e aiuti, morali e pratici, per la sua seconda e fallita spedizione su Roma.

Sul Piazzone, Garibaldi è tuttora ricordato con una lapide sopra l'attuale Bar Giannini - un bar storico (1600) con quattro secoli di presenza - e quella mattina che arrivò in città fu ospitato dal pastaio Paoletti, il cui figlio andò a combattere per Roma. Dalla finestra parlò al popolo, ripartendo poi per fare bagni refrigeranti circa un'ora dopo.

A Bientina la lapide a Garibaldi è in via Dante dove nel palazzo Taddei soggiornò l'eroe, e a Buti è nella piazza centrale intitolata proprio all'eroe dei due mondi che tenne un comizio dalla finestra del comune dicendo però ai popolani che lo ascoltavano di tornare subito a casa. "Visto che era il momento di pranzare anche perché il sole era troppo forte".

Da Caprera Garibaldi mandò poi a Pontedera - dove era stato in segreto per rompere con la giovane donna che aveva sposato e subito ripudiato - un cesto d'aragoste ai carabinieri pontederesi per ringraziarli per i 'i servigi' resegli durante la visita in terra pisana. Lettera che è al museo dell'Arma dei carabinieri cin un quadri anche nella caserma di via Lotti.

E il diciottenne Leonardo Bettini e il ventunenne Pietro Magnani portarono i loro nomi e la loro Pontedera nel Risorgimento partecipando poi alla famosa battaglia di Curtatone e Montanara, uno degli episodi della prima guerra di indipendenza del 1848. Partirono volontari con battaglione universitario pisano ed entrambi poterono tornare a casa. ,

Mario Mannucci
© Riproduzione riservata


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Nuovi decessi si sono registrati nelle ultime 24 ore tra area del capoluogo, Cuoio, Valdera e zona di Volterra. Tutti gli ultimi aggiornamenti
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Federica Giusti

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Cronaca

Cronaca

Attualità