QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PONTEDERA
Oggi 14°16° 
Domani 16°30° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdera, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdera
martedì 16 luglio 2019

Attualità domenica 21 maggio 2017 ore 11:30

I campi di sterminio patrimonio Unesco

La richiesta di Aned, Associazione nazionale ex deportati, è stata accettata all'unanimità dal consiglio dell'Unione Valdera



PONTEDERA — Sono da poco terminati i Viaggi della Memoria che, come al solito, hanno coinvolto giovani studenti e amministratori dei vari comuni dell’Unione Valdera.

Quest’anno Aned (Associazione Nazionale Ex Deportati) l’associazione che organizza i pellegrinaggi ai campi di sterminio, ha richiesto un ulteriore impegno agli enti che hanno preso parte ai Viaggi della Memoria, proponendo che in ogni consiglio comunale venisse approvato l’Ordine del Giorno che chiede "l’affissione del testo integrale del giuramento di Mathausen al Parlamento Europeo e al tempo stesso sollecita l’intervento del Ministero dei Beni e delle Attività Culturali affinché i campi di sterminio vengano dichiarati Patrimonio Mondiale dell’Unesco".

Un Odg che il Consiglio Comunale dell’Unione è stato il primo ad approvare all'unanimità venerdì 19 maggio.

Riportiamo qua sotto, per completezza dell’informazione, il Giuramento di Mathausen (10 Maggio 1945):

Si aprono le porte di uno dei campi peggiori e più insanguinati: quello di Mauthausen. Stiamo per ritornare nei nostri paesi liberati dal fascismo, sparsi in tutte le direzioni. I detenuti liberi, ancora ieri minacciati di morte dalle mani dei boia della bestia nazista, ringraziano dal più profondo del loro cuore per l'avvenuta liberazione le vittoriose nazioni alleate, e salutano tutti i popoli con il grido della libertà riconquistata. La pluriennale permanenza nel campo ha rafforzato in noi la consapevolezza del valore della fratellanza tra i popoli.

Fedeli a questi ideali giuriamo di continuare a combattere, solidali e uniti, contro l'imperialismo e contro l'istigazione tra i popoli. Così come con gli sforzi comuni di tutti i popoli il mondo ha saputo liberarsi dalla minaccia della prepotenza hitleriana, dobbiamo considerare la libertà conseguita con la lotta come un bene comune di tutti i popoli. La pace e la libertà sono garanti della felicità dei popoli, e la ricostruzione del mondo su nuove basi di giustizia sociale e nazionale è la sola via per la collaborazione pacifica tra stati e popoli. Dopo aver conseguito l'agognata nostra libertà e dopo che i nostri paesi sono riusciti a liberarsi con la lotta, vogliamo:

conservare nella nostra memoria la solidarietà internazionale del campo e trarne i dovuti insegnamenti;

percorrere una strada comune: quella della libertà indispensabile di tutti i popoli, del rispetto reciproco, della collaborazione nella grande opera di costruzione di un mondo nuovo, libero, giusto per tutti;

ricorderemo sempre quanti cruenti sacrifici la conquista di questo nuovo mondo è costata a tutte le nazioni.

Nel ricordo del sangue versato da tutti i popoli, nel ricordo dei milioni di fratelli assassinati dal nazifascismo, giuriamo di non abbandonare mai questa strada. Vogliamo erigere il più bel monumento che si possa dedicare ai soldati caduti per la libertà sulle basi sicure della comunità internazionale: il mondo degli uomini liberi!

Ci rivolgiamo al mondo intero, gridando: aiutateci in questa opera!

Evviva la solidarietà internazionale!

Evviva la libertà!”



Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Cronaca

Lavoro

Sport