QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PONTEDERA
Oggi 14° 
Domani 14° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdera, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdera
mercoledì 13 novembre 2019

Attualità venerdì 24 marzo 2017 ore 17:36

La banda di Accumoli ringrazia Pontedera

La banda di Accumoli nel municipio di Pontedera

Il sindaco e i musicisti della cittadina colpita dal sisma sono stati ricevuti questo pomeriggio in municipio. Stasera il concerto al Teatro Era



PONTEDERA — Il ponte solidale che collega Pontedera ad Accumuli continua a consolidarsi. A sette mesi dal tragico terremoto che ha colpito il centro Italia, la Filarmonica Volere è Potere ha ospitato la Banda musicale della cittadina colpita dalle scosse. Quaranta musicisti e accompagnatori del Corpo Bandistico Città di Accumoli sono stati ricevuti questo pomeriggio al Museo Piaggio e nella sala consiliare di Palazzo Stefanelli.

La Banda di Accumoli è arrivata a Pontedera al termine di un percorso di solidarietà che in questi mesi ha visto la città mobilitarsi prima per sostenere economicamente la Banda con le cene e il concerto a settembre organizzato dalla Volere è Potere in collaborazione con l’Accademia della Chitarra e l’Accademia Musicale Toscana.

All'incontro in municipio, questo pomeriggio, alle 16, hanno partecipato anche i rappresentanti dell'associazione nazionale Polizia di Stato.

"Un incontro nato da una passione comune per la musica" ha spiegato il sindaco di Pontedera Simone Millozzi, ricevendo il primo cittadino di Accumoli, Stefano Petrucci.

"Nel nostro piccolo - ha detto Millozzi - ci siamo subito attivati dopo il terremoto, mobilitando il corpo di polizia locale e le associazioni, organizzando iniziative, e in futuro saremo ancora a fianco di Petrucci e della sua comunità".

Il rapporto con la banda della cittadina flagellata dal sisma è stato avviato dal consigliere Eugenio Leone: "Abbiamo voluto intitolare la manifestazione Noi vogliamo continuare a suonare - ha spiegato Leone - per testimoniare la volontà caparbia degli abitanti di Accumoli di voler ritornare alle loro case per rivivere quel senso di comunità solidale tipica dei paesi italiani, rappresentata simbolicamente dalla musica e dalla banda in particolare".

La volontà di ricostruire una vita è stata espressa anche dal sindaco di Accumoli, Stefano Petrucci: "La nostra è una comunità lacerata - ha spiegato Petrucci - I nostri cittadini sono sparpagliati in varie città, anchese abbiamo cercato di collocarli in alberghi e strutture del territorio. Ma un paese di 670 anime è difficile da ricostruire".

La ricostruzione, tuttavia, ha spiegato il primo cittadino di Accumoli, non sarebbe sufficiente da sola: "Il nostro territorio era già destinato allo spopolamento - ha detto Petrucci - perciò non servirà ricostruire se non si creeranno nuove attrazioni e servizi in grado di rivitalizzare il tessuto sociale. Mi auguro una grande sinergia e non ho parole per ringraziare Pontedera dell'aiuto che ci sta dando".

"L'arte è la rappresentazione della nostra anima - ha aggiunto Pierluigi Valesini del gruppo bandistico di Accumoli. - Da qui dobbiamo ripartire. Dalla musica. La nostra terra è stata dura con noi ma ci ha temprato. In questo momento siamo come naufraghi ma voi, cari amici di Pontedera, ci date una speranza, insieme a molti altri italiani".

Fra gli aiuti inoltrati ad Accumoli, è stata trovata e consegnata una roulotte offerta da Luciano Rocchi e tanti materiali didattici, donati dai genitori e dagli insegnanti delle scuole primaria Saffi e materna Corridoni; infine l’iniziativa di Natale che ha coinvolto centinaia di generosi Pontederesi che hanno testimoniato la loro concreta testimonianza e vicinanza alle popolazioni terremotate, acquistando 1.300 cestini con salumi e formaggi di Norcia per un valore di 30mila euro che hanno contribuito alla ripresa economica di un’azienda del territorio.

Tutto il percorso è stato sostenuto dalla sezione di Pontedera dell'associazione nazionale Polizia di Stato e dal suo presidente Calogero Pace. L'incontro è proseguito con una sfilata sul corso Matteotti guidata dal presidente Giuseppe Funari e dal suo vice Alfredo Paluzzi. La giornata si concluderà con il concerto delle due banda al Teatro Era alle 21 con la direzioni dei maestri Stefano Gatti e Pierluigi Valesini.



Tag

Matteo Salvini fa l'accento romagnolo mentre visita un'azienda per la campagna elettorale in Emilia-Romagna

Ultimi articoli Vedi tutti

Politica

Attualità

Attualità

Cronaca