QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PONTEDERA
Oggi 17°21° 
Domani 17°29° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdera, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdera
sabato 20 luglio 2019

Attualità martedì 13 novembre 2018 ore 09:02

La solitudine dei nativi digitali

Conferenza/dibattito “La solitudine dei nativi digitali” con la partecipazione del professor Giuseppe Riva, organizzata dalla fondazione Charlie



PONTEDERA — Essere genitori al giorno d’oggi è un compito estremamente delicato. Per instaurare rapporti sani con i figli è necessario innanzitutto essere consapevoli del fatto che una buona parte della loro vita si svolge in ambito virtuale. 

Non tutto ciò che si trova nel mondo online rappresenta un pericolo o una minaccia. Gli strumenti tecnologici offrono anche immense risorse che, se utilizzate propriamente, possono facilitare lo sviluppo emotivo, intellettuale e cognitivo di un ragazzo. 

Tuttavia i nostri figli hanno bisogno di essere accompagnati e guidati in questo percorso, esattamente come sentiamo di doverli accompagnare e guidare nella vita reale.

Proprio come non abbandoneremmo mai un figlio da solo in una città sconosciuta, così dovremmo essere cauti nel mettergli in mano uno smartphone collegato ad Internet, senza le adeguate istruzioni.

Recenti indagini sulle abitudini della popolazione italiana, rispetto all’uso dei dispositivi digitali, evidenziano che, tra i nati dopo il 2010, persino i bambini entro il primo anno di vita utilizzano abitualmente la tecnologia, in media almeno un’ora al giorno.

Un bambino di 5 anni, che non ha ancora imparato a leggere e a scrivere, oggi ha al suo attivo una media di 500-600 ore di utilizzo delle tecnologie digitali. A 12 anni queste ore diventano 800, per arrivare a 10 mila a 15 anni e a circa 15 mila a 18 anni.

15 mila ore è una cifra enorme. Per fare un paragone, è la stessa quantità di tempo richiesta ad un musicista per diventare un professionista. Per questo il nativi digitali possono essere considerati, in relazione allo strumento tecnologico, dei veri e propri professionisti.

L’uso abituale dei media digitali rende i nostri figli molto diversi da noi.

Per i nativi digitali la tecnologia è intuitiva e trasparente e genera in loro nuovi schemi cognitivi e di percezione. L’utilizzo diffuso dei media digitali e soprattutto dei social media può modificare la capacità di percepire ed esprimere emozioni con effetti potenzialmente negativi come l’analfabetismo emotivo, che è stato identificato tra le cause principali del cyberbullismo. Possono inoltre alterare gli schemi di attaccamento e generare nuovi stili relazionali, molto spesso disfunzionali.

Quali sono esattamente gli effetti della tecnologia digitale sui nostri figli e quando è il momento giusto per avvicinare un bambino agli strumenti tecnologici? Come può un genitore intervenire o dialogare circa le abitudini di vita online dei propri figli?

A queste e a molte altre domande risponderà il professor Giuseppe Riva, ospite di Charlie Telefono Amico mercoledì 14 novembre alle ore 21.00 presso la Biblioteca Comunale G.Gronchi di Pontedera, durante la conferenza/dibattito “La solitudine dei nativi digitali”, che è anche il titolo di un suo libro, recentemente uscito in edicola nella collana “Genitori si diventa”. L’incontro, organizzato nell’ambito di un percorso di approfondimento sulla comunicazione tra e con gli adolescenti promosso dalla Fondazione Charlie Onlus, è aperto a tutta la cittadinanza, principalmente rivolto a genitori ed insegnanti e l’ingresso è gratuito.



Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Lavoro

Spettacoli

Spettacoli

Attualità