QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PONTEDERA
Oggi 13° 
Domani 12° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdera, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdera
domenica 26 gennaio 2020

Attualità domenica 01 settembre 2019 ore 07:30

​L'altra faccia della medaglia

Da molti anni si discute su come eliminare, o quantomeno attenuare, il caos degli accessi e uscite alla città scolastica. Ora il comune ci riprova



PONTEDERA — Prima tesi di un cittadino che ha partecipato ai nuovi incontri con l'amministrazione comunale sul problema della città scolastica: "Non si doveva costruire un complesso di istituti circondati dall'Era e da tanti complessi abitativi che ovviamente hanno bisogno di strade"

Seconda tesi, di un altro cittadino: "Non si dovevano costruire così tante abitazioni e complessi residenziali a ridosso della città scolastica"

Terza tesi, stavolta di una cittadina: "se i familiari degli studenti non possono accompagnarli in auto fino agli istituti, perché gli insegnanti, i bidelli e così via possono parcheggiare nei cortili delle scuole?". 

Che ogni medaglia, concreta o teorica, abbia il suo rovescio, lo sanno tutti. E' il caso della città scolastica nata mezzo secolo fa nella golena fra Era e Arno e da allora molto cresciuta tanto che chiamarla villaggio appare limitativo di fronte a 6-7 mila frequentatori quotidiani fra studenti, insegnanti personale amministrativo, bidelli e genitori in visita. Mentre definirla campus all'americana è un po' troppo perché mancano alcune caratteristiche come quella della residenzialità degli studenti.

Ebbene: se per gli amministratori comunali e una parte di popolazione la città scolastica è da tempo una medaglia da attaccare al gonfalone, per altri è invece e sopratutto l'altra faccia della medaglia consistente nelle difficoltà di accesso e uscita.

Chi ha ragione?
Il problema del caos che si forma di prima mattina e a metà giornata è argomento di discussione e conseguenti polemiche da una ventina d'anni. In questi giorni di fine estate la 'vexata questio', discussa questione, è tornata per l'ennesima volta a galla col piano predisposto dalla nuova amministrazione comunale per mettere in sicurezza con altre tre pensiline-corsie i ragazzi che usano i pullman in arrivo e partenza dal piazzale dello stadio e per razionalizzare il traffico e la sosta n via Vittorio Veneto e nelle 4 strade che da essa portano alla città degli studi. Piano che prevede sensi unici, rovesciamenti della direzione di transito e divieti di accesso motorizzato (in futuro anche elettronici) all'entrata e uscita delle scuole, salvo per i residenti muniti di pass, insegnanti, motorini e moto. 

Un nuovo piano di vasta portata da sperimentare con l'ormai prossima riapertura dell'anno scolastico ma che, tornando alla tre tesi iniziali, non può eliminare del tutto l'altra faccia della medaglia. 



Tag

Sardine, Santori: «Ci hanno detto che non potevamo fare una manifestazione»

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Cronaca

Attualità

Sport