comscore
QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PONTEDERA
Oggi 21°22° 
Domani 20°33° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdera, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdera
lunedì 06 luglio 2020
corriere tv
Decreto rilancio, ecco le novità da sapere

Lavoro martedì 23 giugno 2020 ore 10:24

Lavoratori Arnèra, la coop risponde a Usb

La cooperativa sociale replica all'Unione sindacale di base. Leoncini: "Arnera non ha mai chiesto di fare sacrifici ai lavoratori"



PONTEDERA — A seguito delle preoccupazioni espresse dall'Unione sindacale di base di Livorno, il presidente della cooperativa sociale Arnèra, Alessio Leoncini, interviene per chiarire la situazione lavorativa, anche "al fine di consentire a chiunque lo volesse di formarsi un'opinione autonoma sull'argomento". Leoncini si dice preoccupato tanto quanto l'Usb - se non di più - e non accetta le critiche mosse dal sindacato agli amministratori della cooperativa.

"Stupisce nel comunicato sindacale la totale assenza di consapevolezza di quanto stia accadendo nel mondo del lavoro e in particolar modo nei servizi socio-sanitari ed educativi" esordisce Leoncini, per il quale la comunicazione inviata il 4 aprile ai soci, "in piena emergenza Covid" e in cui si annunciava l'anticipo della cassa integrazione, è stata "travisata e totalmente ignorata dalla Usb di Livorno".

"Una scelta difficile e responsabile, quella di anticipare la cassa integrazione" assicura il presidente, "che non tutti hanno assunto" e che invece, da Usb, viene data "per scontato", basando le sue considerazioni su un "comunicato interno attraverso il quale si informavano le lavoratrici e i lavoratori sulla situazione della cooperativa al momento del comunicato stesso, ovvero la chiusura per emergenza Covid dei servizi rivolti all’infanzia e ai minori e la contestuale richiesta di cassa integrazione per circa 300 persone".

"Sorge legittima la domanda - commenta Leoncini - se l’azione sindacale sia ispirata al perseguimento dell’interesse generale delle lavoratrici e lavoratori o non piuttosto a strumentali e personalistiche aspettative di qualche suo rappresentante. Arnera non ha mai chiesto di fare sacrifici ai lavoratori ma ha condiviso con essi le preoccupazioni legate al momento generale: la crisi prodotta dal Coronavirus. Nel comunicato si richiamano i soci e i lavoratori a un senso di responsabilità collettivo che è parte integrante dell’essere cooperativa". 

Leoncini, infine, assicura che "ben altro" è il clima che regna all'interno di Arnèra e ricorda i nuovi investimenti fatti e i risultati ottenuti. Come l'aver garantito continuità di reddito, l'aver difeso i livelli occupazionali e, in questi anni, l'aver creato nuovi posti di lavoro, rispettando tutti i pagamenti e arrivando ad affrontare l'emergenza Covid assicurando continuità nel rapporto con gli utenti e implementando ulteriori attività con modalità innovative.

"Saremmo degli sprovveduti se non fossimo preoccupati della situazione futura" conclude il presidente Arnèra ricordando che l'emergenza Covid è stata ed è un cataclisma globale, non un problema esclusivo della cooperativa. 

"Ribadiamo, in chiusura, che non abbiamo chiesto a soci e lavoratori sacrifici in nome dei tagli ma, al contrario, abbiamo richiamato tutti quanti alla condivisione di preoccupazioni legate alla situazione generale. Nella Cooperativa Sociale Arnera i padroni sono le socie e i soci e questo è il senso ultimo del comunicato inviato il 4 aprile scorso. Approfittiamo per ringraziare tutte le lavoratrici e i lavoratori, che in un clima surreale, sia in termini di relazioni umane, sia in termini di relazioni lavorative, sono state/i vicine/i alla cooperativa al fine di tutelare l'interesse collettivo".



Tag
 
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Cronaca

Cronaca

Cultura