QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PONTEDERA
Oggi 12° 
Domani 10°14° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdera, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdera
lunedì 27 gennaio 2020

Attualità venerdì 29 novembre 2019 ore 12:30

Parkinson, al Lotti 800 pazienti seguiti

Sabato è la giornata nazionale dedicata ai pazienti e alle persone interessate a conoscere meglio questa malattia. Da gennaio già 1100 visite



PONTEDERA — Sabato 30 novembre è la Giornata nazionale Parkinson, dedicata ai pazienti ed a tutte le persone interessate a conoscere meglio questa malattia. A Pontedera la struttura di Neurologia dell’ospedale Lotti segue circa 800 pazienti con malattia di Parkinson e nel 2019 sono già state erogate oltre 1100 visite per tale patologia.

Secondo un recente studio con algoritmo su dati amministrativi in Toscana, 15.720 individui vengono identificati come affetti da malattia di Parkinson, cioè 5,2 casi per 1.000 residenti, in linea con i dati nazionali. Si stima pertanto che i pazienti affetti residenti nell’Area vasta Toscana nord ovest siano circa 7mila, con 80-260 nuovi casi all’anno.

Il “Parkinson” è una malattia neurodegenerativa causata dalla progressiva morte dei neuroni dopaminergici che determina la comparsa di tremore, rigidità e lentezza nei movimenti. È stato dimostrato che i sintomi iniziano a manifestarsi quando sono andati perduti circa il 50-60 per cento di tali neuroni. In Italia i malati di Parkinson sono circa 300.000, con lieve prevalenza nel sesso maschile, con età d’esordio compresa fra i 58 e i 60 anni e con aumento della prevalenza con l’aumentare dell’età. Circa il 5 per cento dei pazienti può presentare un esordio giovanile tra i 21 ed i 40 anni.

I sintomi della malattia non sono tuttavia solo motori ma coinvolgono spesso anche altri sistemi neurologici, con la comparsa di sintomi non motori (iposmia, disturbi dell’umore, del sonno o della sfera cognitiva) ma anche non neurologici (con disturbi gastroenterici o genitourinari). La presenza dei sintomi non motori è spesso trascurata e non riconosciuta, causando un aumento di morbilità, dipendenza, istituzionalizzazione e di costi sociali. Per questo motivo, la sua complessità richiede una gestione specialistica, con la regia di un neurologo esperto in disturbi del movimento.

Tra le strutture di neurologia dell’Azienda USL Toscana nord ovest esiste una rete dove è sempre presente un ambulatorio dedicato alla malattia di Parkinson, con personale esperto e dove, oltre a dare un inquadramento diagnostico per i pazienti, viene dato un adeguato orientamento terapeutico, collaborando anche attraverso un team multidisciplinare (fisiatria, psichiatria e neuropsicologia) e selezionando i pazienti per strategie terapeutiche di fase avanzata (trattamento chirurgico e terapia infusionale) da inviare presso il centro di riferimento regionale di Pisa.

Inoltre, per quanto riguarda l’ambito della riabilitazione, l'Azienda USL Toscana nord ovest, attraverso la struttura Recupero e rieducazione funzionale e la struttura di Neurologia di Pontedera, assieme a Terme di Casciana S.p.A., hanno elaborato il Progetto Pilota Parkinson, rivolto agli utenti residenti nel territorio della Valdera con malattia di Parkinson.

Per avere maggiori informazioni o per programmare una visita alla struttura di Neurologia del Lotti di Pontedera si può chiamare, dopo le ore 10, il numero di telefono 0587 273281.



Tag

Risultati elezioni Emilia Romagna, le quattro ragioni della frenata di Salvini e la vera incognita per il governo

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Sport

Cronaca

Attualità