Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 18:57 METEO:PONTEDERA18°  QuiNews.net
Qui News valdera, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdera
sabato 27 febbraio 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Covid, a Milano folla sui Navigli nell'ultimo weekend in fascia gialla

Lavoro martedì 26 luglio 2016 ore 18:00

Piaggio, per Uilm sì deciso alla solidarietà

Dopo i dissidi tra i vari sindacati: "Bisogna parlare chiaro ai lavori, basta slogan e promesse irraggiungibili. Non è il momento per una vertenza"



PONTEDERA — "La Uilm negli ultimi anni ha sempre svolto un ruolo attivo sul problema della delocalizzazione della Piaggio e sui problemi del suo indotto, in maniera concreta e non fantasiosa, ha organizzato da sola una raccolta firme contro il lento spegnimento dell'industrie metalmeccaniche della Valdera fornitrici dell'azienda di Colaninno". Il segretario Benedetto Benedetti ha spiegato la situazione e il punto di vista del suo sindacato: "In questa fase di trattative con l'azienda la Uilm ha svolto e sta svolgendo un lavoro di collante tra le forze sindacali, per cercare di unire anziché portare divisioni. Ma ora è venuto il momento di essere chiari con i lavoratori, che si meritano un'informazione seria e reale rispetto a quanto sta accadendo".

La Uilm ha fornito dei numeri: "Il mercato europeo delle due ruote ha perso negli ultimi anni il 60 per cento dei volumi e solo il ricorso agli ammortizzatori sociali ha permesso di proteggere il salario dei lavoratori. Lo possiamo fare solo attraverso la cassa integrazione o con la solidarietà. Non ci sono altre strade, ma è bene sapere che la solidarietà ci può aiutare per più tempo: in parole povere, la cassa integrazione ha una durata di due anni, la solidarietà di tre e rinnovabili".

Benedetti e la Uilm hanno rivolto una domanda ai lavoratori: "Cosa vogliamo fare in questo frangente, fare una vertenza con la Piaggio. Vi sembra il momento ed il contesto giusto? Noi siamo in questo momento per tutelare i lavoratori e per farlo non possiamo che essere per la firma del contratto di solidarietà. Ma un minuto dopo vogliamo attivarci concretamente e seriamente per costringere l'azienda ad un tavolo per la discussione del futuro dello Stabilimento di Pontedera e delle sue lavorazioni e se necessario in seguito coinvolgendo anche i vertici sindacali nazionali e le maggiori istituzioni locali e regionali".

La Uilm ha concluso: "Abbiamo spedito in questi giorni le firme raccolte, circa duemila, al sindaco Millozzi e alla Regione per chiedere un intervento urgente, affinché si possa aprire un confronto con tutte le istituzioni e soggetti politici e sindacali, a partire dalla commissione Regionale,per la ripresa economico-sociale della Toscana parallelamente al confronto con l’Azienda.  Siamo pronti ad un duro confronto con l'Azienda ma solo dopo aver garantito a tutti i lavoratori il miglior ammortizzatore sociale disponibile, ossia la Solidarietà, tutto il resto non è noia purtroppo, ma solo inutile e pericolosa propaganda fatta di slogan e di titoli sbagliati".

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

CORONAVIRUS

Attualità

Cronaca