QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PONTEDERA
Oggi 22°26° 
Domani 23°34° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdera, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdera
mercoledì 24 luglio 2019

Cronaca mercoledì 13 luglio 2016 ore 16:08

Preso il capo della baby gang che rubava a scuola

Foto d'archivio

Hanno commesso numerosi furti. Il leader è appena maggiorenne. Al suo fianco ha assoldato minorenni maschi e femmine, sia stranieri che italiani



PONTEDERA — In autunno gli agenti della municipale passarono delle notti barricati nelle scuole per cercare di beccarli. Oggi la polizia di Pontedera ha arrestato E.A.H. 18 anni compiuti da poco, marocchino, residente in città., in esecuzione di un’ordinanza del Tribunale per i minori di Firenze, che ha deciso di collocare il giovane in comunità.

La custodia cautelare è stata richiesta dal commissariato di Pontedera al termine delle indagini sui numerosi furti avvenuti a Pontedera, commessi dal mese di novembre dello scorso anno, in particolare negli istituti scolastici cittadini.

"I furti riconducibili all’arrestato - hanno spiegato dal commissariato - sono diversi, commessi con altri minori, non sempre gli stessi, di cui lo straniero aveva l’indiscusso ruolo di leader, tale da coinvolgere nel gruppo altri minori sia stranieri che italiani, anche ragazzine giovanissime".

I poliziotti di Pontedera avevano già individuato il ragazzo: "Nel mese di dicembre, nei confronti dell’allora minore era stata effettuata una perquisizione domiciliare che aveva permesso di recuperare alcuni capi di abbigliamento e scarpe di marca, acquistati con i proventi dei furti e con i quali veniva immortalato dalle videocamere di sicurezza installate nelle scuole. In quella circostanza, i genitori, stranieri regolari ben inseriti nella comunità cittadina, avevano promesso una maggiore vigilanza nei confronti del loro figlio".

I poliziotti con questo arresto hanno dato un volto anche alla persona che aveva commesso un crimine in primavera di cui si era molto discusso: "La vigilanza dei genitori non ha sortito gli effetti sperati perché il ragazzo, oltre a commettere altri furti, veniva individuato come l’autore del tentativo di rapina avvenuto il 29 aprile in Pontedera nei confronti di una ragazza italo-nigeriana, conosciuta in città per la sua attività di cantante, a cui era stata perpetrata violenza fisica nel tentativo di strapparle la borsa. La ragazza, molto impaurita, aveva immediatamente denunciato il fatto e sulla base della descrizione fornita, quest’ufficio individuava nell’arrestato l’autore del reato e dopo averlo fatto riconoscere alla vittima, lo segnalava al Tribunale dei Minori di Firenze chiedendo un’idonea misura cautelare".

Il ragazzo è stato portato in una comunità in Emilia Romagna a disposizione dell’Autorità Giudiziaria. Continuano le indagini per identificare tutti i complici dell’arrestato anche in relazione ai furti commessi nei giorni scorsi ai danni di esercizi commerciali cittadini.



Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Sport

Spettacoli

Politica

Attualità