QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PONTEDERA
Oggi 11° 
Domani 17° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdera, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdera
lunedì 20 maggio 2019

Elezioni venerdì 19 aprile 2019 ore 18:37

La Lega: "Risolleveremo Pontedera"

Presentata la lista dei candidati con l'intervento di Susanna Ceccardi che ha ricordato "quando ci chiamavano armata Brancaleone"



PONTEDERA — "Solo pochi anni fa ci chiamavano armata Brancaleone, ora ci temono", ha detto Susanna Ceccardi concludendo la presentazione della lista che appoggia Matteo Bagnoli come sindaco e annunciando che aspetta una bambina "alla quale voglio assicurare un mondo migliore".

I 16 candidati della Lega alle elezioni comunali di Pontedera rappresentano varie branche della società ma un po' tutti hanno detto che "Pontedera sta degradando e perdendo quel ruolo che ha a lungo avuto. Toccherà a noi, con l'aiuto dei cittadini, di farla tornare quello che era". Concetto sul quale il candidato sindaco del centrodestra unito, Matteo Bagnoli, ha incentro il motto "ora o mai più". Ovvero: "o stavolta si conquista il Comune retto da 73 anni dalla sinistra oppure sarà più duro farlo".

Ed ecco la lista dei candidati con stralci dei loro interventi.

Giorgio Petralli, classe 1972, commerciante, è in pratica il capolista pronto a impegnarsi per vincere il confronto. Rebecca Stefanelli, 1991, laureata in giurisprudenza ha spiegato d'aver aderito alla Lega dopo un quasi assalto ricevuto sul Corso da un venditore abusivo al quale aveva negato l'obolo. Marco Realti, 1969, manager Piaggio, ha dichiarato le sue competenze acquisite dopo 30 anni di contatti col molte parti del mondo. Michela Crespina, 1973, barista in piazza Duomo, è partite dalle lamentele contro il Comune che tutti i giorni sente nel suo locale e anche per questo si è candidata. Domenico Pandolfi, 1961, commerciante, e Federica Barabotti, fisioterapista, i due consiglieri uscenti migrati da Forza Italia, hanno sottolineato come il Comune abbia speso tanti soldi per strade e altri interventi che poi sono risultati sbagliati o fermi. Alberto Andreoli, 1974, avvocato, ha ribadito il forte degrado cittadino e periferico dicendosi pronto a un impegno a favore della gente. Francesca Calamita, 1982, avvocato, ha anch'essa ribadito il concetto della vicinanza con i cittadini. Giovanni Orsini, 1953, geometra, ha insistito sul degrado di Pontedera concludendo che "ogni tanto bisogna cambiare il sangue che non può essere sempre lo stesso". Barbara Orsini, 1963, commerciante, ha criticato la gestione dei comuni a cominciare da Pontedera. Giorgio Bolognesi, 1954, rappresentante di commercio, ha spiegato la candidatura in nome di Pontedera. Anna Bressan, 1982, laureata in filosofia "e madre" ha parlato dell'impegno assunto per i cittadini. Pietro Santoro, 1970, dipendente Geofor era assente per lavoro alla presentazione. Marisa Paoletti, 1964, commerciante-artigiana, ha detto che il degrado commerciale l'aveva quasi convinta a scappare da Pontedera ma ha poi pensato di candidarsi per aiutare la ripresa. Anche Franco Mannucci, 1958, commercialista, era assente per impegni. Paula Geluca Tatarusano, 1991 che opera nel settore commerciale e dell'abbigliamento, si è dichiarata "cittadina europea che vuole impegnarsi per questa città che sente come sua".



Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Elezioni

Elezioni

Elezioni

Elezioni