QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PONTEDERA
Oggi 16°25° 
Domani 14°19° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdera, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdera
sabato 21 settembre 2019

Attualità giovedì 08 agosto 2019 ore 07:15

"Tagliata l'erba restano i rifiuti sminuzzati"

Riceviamo e pubblichiamo le riflessioni di un cittadino circa la situazione che si è presentata ai suoi occhi lungo la 439 direzione Montecchio



PONTEDERA — "Sono Stefano - questa la lettera inviata dal cittadino a QUInews Valdera - e volevo segnalare il problema dei rifiuti che vengano lasciati volontariamente o no lungo le strade esterne al centro abitato. In questo caso precisamente con riferimento al tratto stradale del ponte Navetta fino a tutta la nuova circonvallazione esterna in direzione della zona industriale la Bianca, dove nei giorni scorsi è stato fatto il taglio del verde lungo le strade e sono affiorati e/o sminuzzati tutti i rifiuti abbandonati. 

Posso comprendere che l'addetto al taglio del verde non può per obbligo lavorativo e per tempistica, raccogliere ogni minimo rifiuto o evitare di utilizzare il frullino/tagliaerba/trattore nelle sue vicinanze, però al contempo stesso non è accettabile che il servizio di pulizia delle strade non arrivi mai fuori dalle zone residenziali, e questo non avviene già da anni. 

Alcuni rifiuti che si possono notare sono i sacchetti della raccolta differenziata, come se a causa del sovraccarico della camionetta e dalla velocità e/o vento, i sacchetti più leggeri posti in cima alla pila caschino per poi rimanere a terra sul ciglio della strada. 

Una situazione simile si riscontra anche nella zona industriale di Gello, dove la raccolta viene effettuata tramite i camion per via che vengono utilizzati i grandi bidoni.

Personalmente posso confermare che gli addetti alla raccolta pensano solo a rovesciare il bidone all'interno del camion e a riposizionarlo; qualsiasi pezzo "volante" che casca fuori durante questa operazione, non viene raccolto e lasciato per terra; i principali rifiuti volanti sono carta e plastiche per imballaggi (es. le "patatine" di polistirolo). 

In conclusione:
Ci si trova di fronte ad una indifferenza non solo del singolo cittadino che abbandona i rifiuti, ma questa indifferenza si riscontra sia dall'ente che ha la gestione e che non lavora adeguatamente, e sia dalle autorità locali che hanno gli occhi puntati solo sul centro abitato e disinteressandosi del resto del territorio comunale.

Per non finire di nuovo nel capitolo tasse e servizi: che ci debba ritrovare con un ulteriore ente di volontariato a far sì che venga risolta questa problematica?"



Tag

Il premier Conte ad Atreju: «Mai frequentato il Pd e mai avuto la loro tessera»

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Attualità

Attualità

Cultura