Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 07:00 METEO:PONTEDERA18°33°  QuiNews.net
Qui News valdera, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdera
mercoledì 23 giugno 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Palazzuolo sul Senio (Firenze), le ricerche del piccolo Nicola

Spettacoli domenica 24 gennaio 2021 ore 12:44

Cavallini in concorso per il David

Tommaso Cavallini

Debuttò con 'La Marea Silenziosa', ambientato a Pontedera, mentre il suo ultimo docufilm sul caso Moro ha sviscerato fatti e situazioni molto oscuri



PONTEDERA — Tommaso Cavalini, giovane regista pontederese con alle spalle varie produzioni - debuttò con La Marea Silenziosa, quindi, Trek Point e altri - è in concorso per il David di Donatello con Come è Nato un golpe, il delitto di Aldo Moro. Un'opera di docufilm sul caso Moro e soprattutto sulle due commissioni che hanno indagato (nel '79 e nel 2014), forse il caso più 'importante' perché ha cambiato le situazioni politiche di allora. Cavallini ha girato scene e interviste a Roma e in altre città e senza la pandemia il suo lavoro sarebbe stato già conosciuto anche a livello nazionale.

"Col termine 'Nato' che abbiamo messo nel titolo - spiega Cavallini - vogliamo intendere anche la vera e propria Nato. E' un'opera fatta soprattutto di interviste con vari intervistati, come il giudice Carlo Palermo, l'ex senatore Sergio Flamigni e alcuni giornalisti che ci conducono, e conducono lo spettatore, in un intrigo di segreti che indubbiamente mette in difficoltà soprattutto la prima indagine".

"Dalle interviste e testimonianze - rivela il regista pontederese - risulta che l'agguato di via Fani fu un'azione di guerra non convenzionale che vede anche la presenza di un berretto verde statunitense. Un vero golpe orchestrato dagli Usa e dalla Nato, con l'aiuto di apparati occulti e i servizi segreti dei maggiori Paesi Europei, per dare un colpo mortale alla democrazia e alla Costituzione italiana".

La sequela di false informazioni - così è risultato dalle interviste riportate del docufilm - fatte circolare dai brigatisti con la regia del Sisde e settori della destra Dc, e i nuovi dati acquisiti, dimostrano che Moro durante i 55 giorni del sequestro non è mai stato custodito dai brigatisti e che vi sono state più prigioni in cui è stato detenuto. 

I produttori del docufilm sono Paola Baiocchi e Andrea Montella e l'opera aderisce alla piattaforma Chili, mentre la post produzione è di Fabrizio Volpi. Come è Nato un golpe aderisce alla piattaforma Movieday.

Mario Mannucci
© Riproduzione riservata

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
E' arrivata l'ora della pensione per un professionista conosciutissimo e apprezzatissimo, con uno studio proprio nel centro cittadino
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Salvatore Calleri

QUI Condoglianze

Qui Condoglianze - Elenco necrologi

Ilaria Testi

Lunedì 21 Giugno 2021
Onoranze funebri
MISERICORDIA Pontedera
Onoranze Funebri


Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Cronaca

Cronaca

Cultura