Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 18:10 METEO:PONTEDERA12°  QuiNews.net
Qui News valdera, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdera
sabato 10 aprile 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Principe Filippo, colpi a salve di cannone in tutto il Regno Unito

Attualità martedì 03 novembre 2015 ore 14:00

In Valdera una cura non invasiva per i tumori

Da sinistra Alessandro Diodato e Gastone Ciuti

Un'équipe di ricercatori del Sant'Anna sta lavorando a "Futura". Il laser brucia le cellule e si orienta seguendo variazioni fisiche e respiratorie



PONTEDERA — Curare i tumori con una tecnica non invasiva a ultrasuoni e con precisione millimetrica. E' il risultato del progetto realizzato da giovani ricercatori e dottorandi del Polo Sant'Anna di Pontedera.

La novità, come spiega il ricercatore Gastone Ciuti, sta nel movimento in sincrono che fanno i due bracci, uno che diagnostica, rilasciando un'ecografia in 3d, l'altro che spara il laser alla ricerca del pertugio meno invasivo per raggiungere il punto da bruciare: “I due manipolatori agiscono in simbiosi. E' la prima volta che viene assemblato un apparecchio del genere, in altri prodotti l'intervento del laser e il suo posizionamento vengono decisi al computer e poi resi operativi. Con questa nuova tecnica riusciamo a trovare la strada migliore per raggiungere le cellule da bruciare, evitando ossa o organi che non sono interessati al trattamento. Ha una sensibilità tale che il laser cambia direzione anche a seconda del respiro del paziente”.

Il progetto, che si chiama Futura (Focused Ultrasound Therapy Using Roboting Approaches), è finanziato dall'Unione Europea: “Lo studio è di durata triennale, adesso stiamo terminando il secondo anno. La tecnica a ultrasuoni che utilizziamo è chiamata Hifu (High Intensity Focused Ultrasuoni, ndr) ma la novità è la precisione dovuta all'azione simbiotica tra il manipolatore laser e il manipolatore con la sonda ecografica 3d. Il laser dirige i raggi in forma conica, convergendo sul punto interessato”.

Il percorso che seguirà Futura è quello di nuove sperimentazioni più vicine alla realtà umana: “Lo proveremo su organi espiantati, oppure su dei corpi umani senza vita. L'applicazione per adesso è studiata per tessuti e organi molli, in particolare reni e fegato. Non si può escludere che in futuro trovi altre applicazioni”.

Il progetto Futura è coordinato da Arianna Menciassi e oltre a Ciuti vede impegnati la ricercatrice Selene Tognarelli e i dottorandi Alessandro Diodato e Andrea Cafarelli.

René Pierotti
© Riproduzione riservata

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Covid, sei hanno un'incidenza superiore a 250 casi settimanali su 100mila abitanti, altri due invece in sette giorni non hanno avuto nuovi contagiati
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Federica Giusti

Ultimi articoli Vedi tutti

Politica

Attualità

Sport

Cronaca