QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PONTEDERA
Oggi 12° 
Domani 12° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdera, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdera
venerdì 13 dicembre 2019

Lavoro lunedì 14 novembre 2016 ore 14:54

Una nuova stagione per Piaggio

E' l'auspicio del sindacato Usb dopo il referendum tra i lavoratori per i contratti di solidarietà: "Tanti No, segnale di cambiamento"



PONTEDERA — Il sindacato Usb è tornato a parlare della situazione in Piaggio dopo il referendum della scorsa settimana in cui 1200 lavoratori (su 2800) hanno votato per decidere se accettare la proposta del contratto di solidarietà e della trasformazione del contratto di circa 50 lavoratori da part time verticali (sette mesi di lavoro all'anno) a tempo pieno e indeterminato a fronte di 180 persone che potrebbero andare in mobilità nel 2017.

"Nonostante tutto - hanno detto da Usb - quella di venerdì è stata una giornata storica per lo stabilimento Piaggio. Dopo mesi di trattative e di incontri serrati le organizzazioni sindacali confederali hanno scelto di ricorrere al referendum di mandato prima di firmare l’ennesimo accordo sugli ammortizzatori sociali. L’unione Sindacale di Base, malgrado la disparità delle forze in campo e l’evidente forzatura, ha scelto di raccogliere questa sfida e ha da subito portato avanti con forza e determinazione le ragioni de No a questa nuova imposizione dell’azienda".

Nonostante la vittoria del Sì da Usb si sono detti soddisfatti: "Hanno vinto i favorevoli all’accordo ma non certo con un risultato plebiscitario. Il 40 per cento dei lavoratori e delle lavoratrici nonostante il falso ricatto dei licenziamenti e tutte le pressioni messe in campo nelle ultime settimane ha scelto di votare No ai ricatti dell’azienda, ha scelto con coraggio di lanciare un segnale inequivocabile di discontinuità con il passato. A loro va il nostro ringraziamento. Se avesse vinto il no finalmente saremmo stati costretti ad affrontare la questione degli ammortizzatori da un punto di vista diverso. Avremmo capito le reali intenzioni di una azienda che a nostro avviso non è certo disposta a mettere in discussione proprio adesso la sua immagine di fronte agli azionisti e la sua affidabilità finanziaria, aprendo una crisi strutturale con oltre mille licenziamenti a Pontedera. La trattativa avrebbe preso un’altra piega".

Per Usb è il momento di guardare avanti con fiducia: "Grazie alle nostre pressioni e alla nostra attività costante e determinata si è comunque aperta una stagione nuova in Piaggio. Starà a tutti noi adesso riuscire a tenere alta l’attenzione e la pressione in merito a qualsiasi altra scelta che dovrà essere presa. Nessuno pensi a questo referendum come una delega in bianco. Quella di adesso è la quarta richiesta consecutiva di ammortizzatori sociali, per quanto ci riguarda, senza un piano industriale certo sarà anche l’ultima".

"Usb - hanno concluso - ha deciso di rispettare il voto dei lavoratori e delle lavoratrici e non contesterà né il risultato del referendum né la firma dell’accordo. Nonostante ciò abbiamo scelto in coerenza con il nostro percorso di non sottoscriverlo e ci assumeremo le responsabilità di questa scelta". 



Tag

Si assentava dal posto di lavoro, arrestato il sindaco di Scalea

Ultimi articoli Vedi tutti

Sport

Cultura

Attualità

Attualità