QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PONTEDERA
Oggi 12° 
Domani 10°12° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdera, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdera
lunedì 18 novembre 2019

Cultura martedì 04 novembre 2014 ore 15:10

​Quando le arti incontrano l’educazione

Al via il 7 e 8 novembre il primo convegno nazionale “Mani operose e teste pensanti” dedicato a educatori dei nidi, insegnanti e genitori



PONTEDERA — Apprendere il sapere e saper fare, per sviluppare le cosiddette intelligenze multiple e stimolare una cittadinanza attiva già dai primi anni di vita. Questo il concetto, incentrato sulle potenzialità formative delle arti, posto al centro del primo convegno nazionale dedicato a educatori di nidi, insegnanti di asili e primarie e genitori dal titolo appunto Mani operose e teste pensanti, che si terrà a Pontedera il 7 e l’8 novembre.

L’iniziativa, organizzata dal Cred Valdera, la rivista Bambini, il Centro Studi musicali e sociali Maurizio Di Benedetto, si articola in diversi laboratori di arte, danza, musica, poesia, teatro, nido sonoro e in un convegno interattivo con esperti del settore che introdurranno argomenti e tematiche per aggiornare la professionalità di educatori e insegnanti che si occupano di formazione da zero a quattordici anni.

“È un’ottima occasione – ha commentato il sindaco Lucia Ciampi, referente scuola per l’Unione Valdera – per mostrare le qualità della rete educativa che in questi anni è stata sviluppata in Valdera, da sempre attenta soprattutto alla fascia degli asili nido. Il binomio fare-pensare – ha aggiunto – indica come quanto le arti siano importanti per l’educazione infantile”.

“Abbiamo ricevuto circa 320 iscrizioni – ha spiegato la responsabilità attività formative del Cred Anna Maria Braccini – di cui un terzo arrivano da fuori Toscana, con educatori e insegnanti che, anche pagando un piccola quota di partecipazione, giungono da Piemonte, Lombardia, Liguria, Lazio, Puglia, Sicilia. Questa sarà per la Valdera – ha aggiunto – una preziosa vetrina per mostrare l’alto livello raggiunto in campo educativo e per scambiare esperienze con altre realtà”.

“L’iniziativa – ha infatti aggiunto il pedagogista Mario Piatti – deve offrire stimoli a chi partecipa ed è significativo che questo abbia avuto un così ampio successo in un periodo in cui la scuola ha sempre meno risorse, a livello nazionale si chiede un alto livello e gli insegnanti siano spesso scoraggiati”.

Il convegno si aprirà alle 15,30 di venerdì 7 novembre al Teatro Era, mentre i laboratori si svolgeranno dalle 9 alle 13 e dalle 14,30 alle 18,30 di sabato 8 in diverse strutture pontederesi come il Centro Futuramente, il Centro Poliedro, il Centrum Sete Sòis Sete Luas, l’Accademia della Chitarra, la biblioteca Gronchi, lo Spazio Nu, l’Unione.

Particolari interventi al convegno saranno quelli di Daniela Pampaloni della Fondazione Idana Pescioli e di Provvidenza Migliaccio della Casa delle Arti e del Gioco di Mario Lodi e Rete di Cooperazione Educativa C’è speranza se accade a. In serata poi, alle 21,15 al Centrum Sete Sois Sete Luas si terrà il concerto Insieme con e per la musica con i musicisti dell’Accademia della Chitarra, dell’Accademia Musicale “Glenn Gould”, dell’Accademia Musicale Toscana e della Filarmonica Volere è Potere.

Anna Dainelli
© Riproduzione riservata



Tag

Maltempo, il Sieve esonda a Pontassieve: strade allagate e auto sommerse

Ultimi articoli Vedi tutti

Politica

Cronaca

Cronaca

Cronaca