QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PONTEDERA
Oggi 12° 
Domani 12° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdera, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdera
venerdì 13 dicembre 2019

Politica lunedì 22 dicembre 2014 ore 11:47

"Spesso si guarda il dito e non si vede la luna"

Maurizio Ribechini, per dieci anni consigliere comunale, si toglie qualche sassolino dalla scarpa, a partire dal registro delle unioni civili



CALCINAIA — E' stato per dieci anni consigliere d'opposizione a Calcinaia, rappresentando la sinistra alternativa. A pochi mesi dall'uscita dal Consiglio Maurizio Ribechini vuole togliersi qualche sassolino dalla scarpa, in riferimento agli ultimi lavori dell'assemblea: “Troppo spesso anche nei territori locali le maggioranze politiche bocciano a prescindere le proposte delle minoranze, senza entrare nel merito, salvo poi accorgersi anni dopo che erano delle buone idee. E' una politica miope basata sul guardare il dito e non guardare la luna” dice Ribechini riferendosi alla creazione del registro delle unioni civili che il Consiglio comunale calcinaiolo ha approvato nell'ultima assemblea: “Ci tengo a esprimere tutta la mia soddisfazione, visto che mi sono infatti battuto in prima persona per dieci anni come consigliere di opposizione affinché si arrivasse a questo risultato. Mi dispiace anzi che lo stesso Consiglio calcinaiolo non abbia voluto approvare già a suo tempo le mie mozioni (precisamente nel 2006, nel 2007 e poi ancora nel 2010) che chiedevano la nascita di un registro, ma preferì all'epoca respingere tali proposte. Ora si è fatto finalmente un passo avanti sul piano della modernità e della laicità. Meglio tardi che mai, viene da dire”.

Ribechini prosegue: “So che la politica è un processo collettivo nel quale serve a poco prendersi meriti sul piano individuale, però in certi casi sarebbe necessario riconoscere fin da subito quando vengono avanzate delle proposte costruttive”. L'ex consigliere fa riferimento a tre fatti: “Anche su altri temi locali nell'ultimo decennio avevo fatto a suo tempo delle proposte concrete, inizialmente respinte e derubricate spesso a utopie, ma poi invece approvate alcuni anni dopo. Mi preme ricordare in particolare la raccolta di rifiuti porta a porta che proponevo già nel 2004 e che solo sette anni dopo ha visto la luce. Così come la realizzazione di un bilancio partecipativo, di cui già il mio gruppo parlava nel 2004 che fu poi realizzato solo nel 2012 (a proposito ma quando partono i cantieri per realizzare concretamente i lavori?). Infine l'introduzione della progressività nell'addizionale Irpef che proposi nel 2012 e, dopo essere stata bocciata, fu poi introdotta dalla stessa maggioranza nel 2013”.

Ribechini conclude: “Questa è una politica miope basata sul guardare il dito e non guardare la luna, che fa fare pochi passi avanti alla collettività e allontana infatti sempre più persone dalla politica, vista sempre più come il solito teatrino utile solo a riprodurre piccoli ceti, ma non a cambiare le cose. Il provare a invertire questa logica è una delle sfide di chi vuole provare a ridare un vero senso alla politica, sul piano locale ma non solo”.



Tag

Si assentava dal posto di lavoro, arrestato il sindaco di Scalea

Ultimi articoli Vedi tutti

Sport

Cultura

Attualità

Attualità