Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 17:09 METEO:PONTEDERA17°32°  QuiNews.net
Qui News valdera, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdera
sabato 13 agosto 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Piero Angela, l'ultima volta in tv: «Io come la Regina Elisabetta: lavoro da 70 anni per la Rai»

Cronaca venerdì 14 giugno 2013 ore 16:10

Un protocollo per la tutela della fauna di Padule nel Bientina



Il Consorzio di Bonifica Auser-Bientina e le associazioni ambientaliste insieme per tutelare l'habitat degli animali

Bientina - Il consorzio di Bonifica Auser-Bientina ha sottoscritto con le associazioni ambientaliste e dei cacciatori un protocollo per la tutela della fauna nelle zone umide tra Bientina, Orentano e Capannori. In particolare il protocollo punta alla tutela della fauna che nidifica nelle zone umide e della biodiversità. Il risultato è che il Consorzio effettuerà i lavori sui corsi d’acqua – laddove ciò non crei problemi alla sicurezza idraulica – solo nei periodi in cui essi non danneggino la fauna nidificante, e comunque con le tecniche più accurate per salvaguardare la biodiversità. Nello specifico, si cercherà di realizzare sempre più una manutenzione che non significhi radere tutto ciò che è ai margini del corso d’acqua, ma che restituisca al fosso la sua naturalità. Le associazioni, al contempo, affiancheranno l’ente consortile nell’attività di controllo e vigilanza dei rii, si sono assunte l’impegno di proporre soluzioni per migliorare la qualità del reticolo idraulico. Le associazioni coinvolte sono: Wwf, Enal Caccia Pesca e Tiro, la federazione di Lucca dell’Arcicaccia; le sezioni di Lucca, Pisa e Bientina della Federazione italiana della caccia; l’Ekoclub International; il Tuffetto; i circoli di Capannori e della Valdera di Legambiente; gli Amici della Terra; la Zona di ripopolamento e cattura di Bientina; Libera Caccia. “Arriviamo al rinnovo di un accordo che potenzia in maniera decisiva la qualità delle nostre opere – sottolinea il commissario del Consorzio Ismaele Ridolfi – Naturalmente la sicurezza idraulica è il nostro impegno primario e in tal senso va tutta la nostra attenzione. Ciò però non esclude un occhio di riguardo importante per la sicurezza ambientale e la natura che i rii rappresentano”. Molti gli accorgimenti e le attenzioni individuata dal protocollo. Consorzio e associazioni sono infatti arrivati a una vera e propria classificazione; laddove le caratteristiche del rio lo consentano, i lavori di manutenzione saranno eseguiti evitando il periodo di frega degli esocidi (dal 1 gennaio al 31 marzo) e, per quanto possibile, dei ciprinidi (dal 15 maggio al 30 giugno) e per la salvaguardia dei periodi di riproduzione e allevamento della prole dell’avifauna acquatica e di ripa presente sul territorio (con particolare attenzione alla specie gallinella d’acqua, porciglione e germano reale); sugli altri rii, tra il 15 febbraio e il 30 giugno, i tagli dovranno prevedere di lasciare in piedi 50 metri di vegetazione ogni 200 metri, alternativamente su una sponda e poi sull’altra, in modo da rendere il corso del canale meno rettilineo. Le associazioni, infine, proseguono nel loro impegno finalizzato a “adottare” un corso d’acqua, dove svolgeranno attività di controllo e di proposta.

Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Ti potrebbe interessare anche:

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Nella Chiesa del Crocifisso, il primo cittadino ha detto si alla dottoressa Chiara Lelli. Presenti politici, autorità e tanti pontederesi
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Adolfo Santoro

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Sport

Attualità