Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 20:30 METEO:PONTEDERA20°33°  QuiNews.net
Qui News valdera, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdera
venerdì 30 luglio 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Montano saluta la scherma tra le lacrime: «Mi fa paura il salto nel buio da domani»

Politica lunedì 26 ottobre 2015 ore 19:00

Unione a sette con un supercomune?

Aperture dei sindaci di Capannoli e Chianni per una fusione a sei dell'Alta Valdera. Calcinaia invece vuole rafforzare l'Unione



PONTEDERA — Fusione dei Comuni o rafforzamento dell'Unione? Per Giacomo Tarrini di Chianni e Arianna Cecchini di Capannoli quello della fusione è un discorso da riprendere subito. Anzi, il primo cittadino chiannerino annuncia che a breve ci sarà un incontro a sei con gli altri sindaci del Parco Alta Valdera.

Più scettica Lucia Ciampi, al secondo mandato di sindaco di Calcinaia. Per Ciampi la strada da seguire per abbassare i costi e migliorare i servizi c'è già, è quella tracciata nel 2008 con la nascita dell'Unione Valdera.

Nel primo giro di opinioni sono emerse idee diverse, dalla proposta della fusione a sei di Macelloni allo scetticismo di Guidi (“Andiamoci piano con gli studi matematici”) e Fais (“le municipalità sono presidi e devono rimanere”), dal razionalismo di Gherardini (“Non sarebbero la panacea di tutti i mali”) fino alle parole di Terreni che una fusione l'ha già fatta e la rifarebbe.

Il sindaco di Chianni Tarrini spiega: “Penso che siamo in una fase in cui i mancati trasferimenti dello stato si fanno sentire. Un mega comune di 120mila abitanti però lo vedo azzardato. Non disdegno l'ipotese in cui i Comuni più omogenei cerchino di mettersi insieme”.

Tarrini poi svela: “A breve faremo un incontro a sei per discuterne. Il Parco alta Valdera ha già una sua omogeneità”.

Dello stesso avviso è Arianna Cecchini: “L'unione fa la forza anche se i Comuni medio piccoli come il nostro, sopra i 5mila abitanti, non sarebbero obbligati. Tuttavia i tagli statali sono enormi e abbiamo grosse difficoltà a chiudere il bilancio. In futuro riunirci sarà indispensabile e inevitabile”.

Cecchini era tra i promotori della fusione a tre fra Capannoli, Peccioli e Palaia: “Ci credevo e dirò di più, forse era già da tempo di ragionare a quella a sei. Stare insieme è un valore aggiunto, garantendo però i presidi e razionalizzando il back-office. L'importante sono i servizi, con un front-office nel Comune”.

Salvo proroghe il tempo stringe: “I Comuni piccoli sono obbligati a fare una scelta entro il 31 dicembre. Noi abbiamo in cassa quattro milioni di euro che non possiamo spendere per il patto di stabilità. Guardate Casciana Terme Lari, lì i lavori e le opere si fanno, la fusione è servita. Se fosse passata la fusione a tre sarebbero partiti i cantieri per dieci opere pubbliche”.

Chi non vuol sentire parlare di fusione è Lucia Ciampi. Il primo cittadino di Calcinaia ribadisce la centralità dell'Unione nel processo di razionalizzazione dei costi: “Devono riguardare solo un Comune di una certa quantità di popolazione, sotto i cinquemila abitanti. Sul Comune unico invece sono contraria, l'Unione è lo strumento che è di per sé idoneo ad una razionalizzazione dei costi per Comuni di media e piccola entità. I Comuni superiori a diecimila abitanti sono già a se stanti e non fusibili con altri. Almeno adesso”.

Ciampi nell'Unione ha, tra le altre, la delega all'istruzione e fa un esempio in merito: “Dobbiamo affinare la gestione dell'Unione per fare economia di scala, con servizi di maggior qualità. In settori come la scuola è stato fatto, migliorando i servizi, magari si nota poco e dobbiamo farlo anche in altri settori”.

Riportiamo a Ciampi l'esempio di Guidi, sindaco di Bientina, che aveva proposto, per risparmiare e ottimizzare, amministratori di servizi unici (Guidi aveva ipotizzato un solo funzionario all'urbanistica per Buti, Calcinaia e Bientina): “Sono d'accordo. Tra l'altro per il comando territoriale della municipale abbiamo un solo Comandante per Buti e Calcinaia. Niente vieta si possa fare anche in altri settori”.

In Alta Valdera sembra pronto un tavolo a cui si siederanno Macelloni, Gherardini, Fais, Cecchini, Tarrini e Barbafieri.

Nella "bassa" valdera invece l'idea di Unione è più forte. Terreni fa storia a sé, la fusione tra Casciana Terme e Lari ha da poco spento la prima candelina con soddisfazione da parte della giunta.

Rafforzare l'Unione o procedere alle fusioni? O ancora, l'Unione da dodici passerà a sette con il Comune unico dell'Alta Valdera?

Domande che, giocoforza, troveranno risposte nei prossimi mesi.  

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Covid, sono in tutto 40 i nuovi casi Covid sul territorio della Valdera. 80 i contagi totali in provincia di Pisa mentre sono 748 quelli in Toscana
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nadio Stronchi

QUI Condoglianze

Qui Condoglianze - Elenco necrologi

Giovanni Savino

Martedì 27 Luglio 2021
Onoranze funebri
BIASCI Lorenzana Collesalvetti Casciana Terme
Onoranze Funebri


Ultimi articoli Vedi tutti

Spettacoli

Cronaca

CORONAVIRUS

Sport