QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PONTEDERA
Oggi 10°10° 
Domani 13° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdera, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdera
martedì 12 novembre 2019

Politica venerdì 08 luglio 2016 ore 14:59

Dura replica di Taglioli ai Cinque stelle

Juri Taglioli

Dopo l'attacco degli esponenti del Movimento di Pontedera, in difesa del consigliere vicarese, arriva la risposta del sindaco



VICOPISANO — "È davvero difficile, dopo una tale quantità di offese e falsità lanciate sia in Consiglio Comunale, basta ascoltare lo streaming audio, subito dopo la sua conclusione e pronunciate successivamente dal Movimento Cinque Stelle Vicopisano, dal Movimento Cinque stelle Cascina e dal Movimento Cinque Stelle Pontedera mantenere la calma, non rispondere con stizza a quel “vergogna, vergognatevi” così ripetuto e urlato, a quelle accuse di “bassezza”, di “disonestà”, di “atteggiamento mafioso e dittatoriale”… siamo sinceri. Ma la responsabilità istituzionale e il buon senso ci spingono ad andare oltre le ingiurie e a restare aderenti ai fatti, per il rispetto profondo che abbiamo per la nostra comunità e per i cittadini". E' iniziata così la lunga replica di Juri Taglioli, sindaco di Vicopisano, agli esponenti del Movimento Cinque stelle. 

"Il pomo della discordia - ha ripreso Taglioli - è la tanto vituperata delibera adottata dalla Giunta il 17 giugno scorso che si spiega abbastanza bene da sola. È breve e chiara, trattasi di un atto di indirizzo nei confronti degli uffici, non sussiste alcun divieto e alcuna limitazione della libertà di espressione (nella premessa si richiama, ovviamente, la nostra Costituzione), bensì si tratta semplicemente di un regolamento necessario per il buon funzionamento degli uffici nella concessione del suolo pubblico e per cercare di preservare, come richiesto da numerosi cittadini, le manifestazioni come ad esempio il Mercatino del Collezionismo, la Festa Medievale, le feste religiose e le processioni da banchetti e gazebo politici (ovviamente di tutti i partiti e di tutti i movimenti politici).  Ma, come sempre, per responsabilità istituzionale (e per attitudine al confronto, anche personale), per quanto convinti della opportunità di questa delibera, che ha effetti erga omnes e noi per primi siamo vincolati al suo rispetto (nonostante le inesattezze in merito espresse dal Movimento Cinque Stelle Pontedera), non rifuggiamo anzi cerchiamo il confronto, che crediamo sempre migliorativo, e per questo restiamo disponibili per appuntamenti nel Palazzo Comunale (è sufficiente scrivere a segreteria@comune.vicopisano.pi.it o telefonare allo 050/796525 e prendere un appuntamento)".

"Ci premono però alcune precisazioni - ha spiegato il sindaco - il consigliere Aldo Picchi non ha mai offeso le persone presenti in sala consiliare il 30 giugno scorso, ha parlato di “mobilitazione partitica” perché erano presenti in tanti (si può evincere dalla registrazione audio) e ha detto “vergognati te” al consigliere Landi perché quest’ultimo stava ripetutamente urlando vergogna, vergognati, vergognatevi a tutti i consiglieri di maggioranza. A volte può diventare complesso mantenere la calma, sottoposti a offese e dileggio continuo, il cima si era fatto davvero rovente e i toni erano accesi. Mentre nel precedente intervento Landi aveva accusato di “intascare” soldi, i consiglieri di maggioranza, ribadendo affermazioni oltraggiose già espresse in un video diffuso su Internet e sui social network, in cui parlava di “cresta” dei consiglieri comunali di Vicopisano sui soldi dei cittadini". 

"Ricordiamo che sul sito Internet del Comune e sul giornalino istituzionale, richiamati da Landi durante il Consiglio e nei comunicati successivi, si fa esclusivamente comunicazione istituzionale, nessun partito o movimento presente in consiglio, di maggioranza o di opposizione li utilizza. Con questi strumenti viene raccontata la vita dell’ente e vengono illustrate le attività degli uffici, dando notizia anche degli eventi e delle iniziative sul territorio organizzate e/o patrocinate dal Comune. Anche per quanto concerne “le riprese e le registrazioni audiovisive”, richiamate dal Landi, (art.74 del Regolamento Comunale per le adunanze consiliari) non sussistono divieti, bensì regolamentazioni: nell’articolo si spiega tra l’altro che l’attività di registrazione audio e videoripresa delle sedute è ammessa solo se effettuata direttamente dal Comune o nell’esercizio del diritto di cronaca,che il Presidente del Consiglio ha l’onere di fornire preventiva informazione circa l’esistenza di ripresa audio e video e la successiva trasmissione e riproduzione, che i componenti del Consiglio sono tenuti a un comportamento conoscono al loro ruolo in modo da non diffondere dati personali non attinenti alla discussione. Si dice inoltre che il Comune può diffondere su Internet le sedute del Consiglio, informando tutti i presenti. Cosa che effettivamente e puntualmente viene realizzata, tramite la trasmissione del Consiglio in streaming audio che consente, dal primo momento, di seduta, di seguire in tempo reale in Consiglio e i link a ogni intervento e a ogni punto all’ordine del giorno (la pagina è accessibile dalla homepage di www.viconet.it)".

"Invitiamo - ha concluso Taglioli - il M5S Vicopisano e il suo capogruppo in Consiglio Comunale, Paolo Landi, a prendere le distanze dalle affermazioni estremamente ingiuriose del M5S Pontedera, che fa addirittura riferimento a Cosa Nostra, a smettere di offendere e di riferirsi con nonchalance a disonestà altrui, atteggiamento molto grave, e a voler collaborare con l’Amministrazione, con spirito positivo e non indagatorio, nel precipuo interesse dei cittadini. Le divergenze di opinioni ci sono e ci saranno, sempre e sono positive per il formarsi delle decisioni. Il bene dei cittadini è la cosa che ci preme di più, più fatti per la comunità, più ascolto e meno polemiche sterili. Dobbiamo utilizzare al meglio e a servizio dei cittadini questo tempo e questa opportunità che i cittadini stessi ci hanno concesso". 



Tag

Depistaggi Cucchi, parte civile su astensione giudice: «Questione di opportunità»

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Attualità

Attualità

Attualità