QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PONTEDERA
Oggi 22°34° 
Domani 22°33° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdera, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdera
mercoledì 26 giugno 2019

Cronaca giovedì 03 aprile 2014 ore 18:12

Zavanella: "Basta con i grandi progetti come la Tav, fateci lavorare nel nostro territorio"

Il presidente della Cna di Pisa attacca la politica, la burocrazia e il sistema bancario



PROVINCIA DI PISA — Caschi gialli, bandiere bianche con il logo della Cna, imprenditori edili e lavoratori del settore, mezzi da lavoro, tra cui le grandi ruspe dei cantieri e camion. Tutti sui Lungarni per gridare a Pisa e tutta Italia il loro disagio, le loro difficoltà e il loro disappunto per un Paese dove il lavoro degli artigiani della Cna, in particolare di quelli dell'edilizia, ogni giorno viene strangolato dalla burocrazia, da un sistema del credito che non fa più credito, da tasse e da un politica spesso bizantina e lenta. A sfilare nel corteo della manifestazione pisana, la prima manifestazione della Cna provinciale in Italia con loro c'era in testa al corteo il presidente della Cna provinciale di Pisa Andrea Zavanella che racconta le principali difficoltà del settore.

Quale è la situazione della imprese iscritte alla Cna in provincia di Pisa?
“Il fatturato nell'ultimo anno è diminuito del 22 per cento. Al crollo del mercato privato, in provincia di Pisa abbiamo un vasto patrimonio immobiliare invenduto, case nuove che non riescono ad essere vendute a causa della banche che non danno finanziamenti, non è seguita una risposta dall'edilizia pubblica completamente boccata dal patto di stabilità. E poi la burocrazia come si fa a fare una legge dove si dice che bisogna pagare a 30 giorni i fornitori, come impone la Comunità Europea, se poi lo Stato è il primo a non pagare?”

Cosa dice alla politica?
“Di parla di Tav, di grandi opere, di ponti di grandi infrastrutture e poi non si riesce a fare i lavori più banali come le strade i marciapiedi, le scuole che a noi darebbero da vivere e al paese servizi migliori. Questo in un paese civile non è possibile”.

Quali sono i principali problemi che affrontate quotidianamente?
“Le tasse - risponde Zavanella deciso -. Le nostre imprese pagano troppe tasse. Basti pensare ai rifiuti, noi paghiamo lo smaltimento straordinario come imprese soprattutto in alcuni settori e poi dobbiamo ripagare la tasse per i rifiuti ordinari. Poi la burocrazia: per avere un durc bisogna attendere mesi in pratica l'imprenditore ha pagato, ma lo Stato non riesce a saperlo perché i tuoi pagamenti si perdono nella burocrazia”.

Cosa avete chiesto con la manifestazione di Pisa?
“Noi rivendichiamo maggiore accesso al credito per chi deve acquistare una casa. Una maggiore accessibilità agli appalti pubblici. Gli enti devono spacchettare le gare d'appalto ed evitare i global service e la gare a ribasso d'asta che poi favoriscono solo i grossi gruppi e le imprese spesso con posizioni non trasparenti in odore di malavita. Da anni chiediamo agli enti di fare un piano di interventi che rimetta in moto l'economia attraverso la relazione di opere veramente utili per i cittadini e che a noi darebbero lavoro”.

Quale è la saturazione occupazionale del settore edile?
“Noi come Cna abbiamo visto in tre anni diminuire il giro d'affari della imprese del 50 per cento, mentre le ditte hanno licenziato solo il 15 per cento dei lavoratori. Questo vuole dire che si sta erodendo le riserve della risorse delle aziende. Cosa dobbiamo fare di più?"


© Riproduzione riservata



Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Cronaca

Lavoro

Cronaca