QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PONTEDERA
Oggi 13° 
Domani 10°13° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdera, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdera
venerdì 06 dicembre 2019

Politica lunedì 19 novembre 2018 ore 13:00

"Scritte ignobili, viviamo tempi bui"

Lucia Ciampi

Così la deputata e sindaca di Calcinaia Lucia Campi, commentando le scritte antisemite comparse sui giochi in via Caduti di Piavola a Bientina



BIENTINA — “L’ignoranza è la fonte di ogni discriminazione come l’odio è la fonte di ogni violenza”. Così si esprime la deputata Pd, Lucia Ciampi, in merito alle scritte antisemite rinvenute su un gioco per bambini in un parco pubblico in via Caduti di Piavola a Bientina

“Solo giovedì scorso ero in aula a Montecitorio - ha aggiunto Ciampi, che è anche sindaca del comune confinante con quello di Bientina - per sostenere la mozione Fiano e per chiedere un’azione seria del Governo contro questi atti scriteriati che hanno sicuramente una matrice neo fascista o neo nazista. Proprio una risoluzione del Parlamento Europeo ha certificato infatti un’impennata di episodi xenofobi in tutto il vecchio continente. E’ arrivato il momento di smettere di scrollare le spalle o bollare come ‘ragazzata’ un messaggio di tal genere, peraltro scritto in un parco pubblico". 

"Condivido la seria preoccupazione di Dario Carmassi, Sindaco di Bientina - ha concluso la deputata dem -, in merito a questo episodio. Come giustamente ha sottolineato Dario con la Legge Mancino i responsabili di questo gesto rischiano parecchio. In Parlamento invece si respira tutt’altra aria e c’è addirittura chi sta parlando di rivedere la Legge Mancino e ammorbidire la linea nei confronti della propaganda ideologica neo fascista o neo nazista. Viviamo tempi bui. Per cui adesso più che mai è meglio essere vigili di fronte a simili bestialità e denunciarle. Tra i nostri cittadini non deve serpeggiare l’idea che le istituzioni non prendano sul serio certi fatti o che li condannino a distanza senza troppa convinzione. L’apologia di fascismo è un reato, le scritte antisemite sono un reato, mentre disseminare odio è profondamente sbagliato e non aver recepito gli insegnamenti che la storia ci ha impartito è ingiustificabile. All’ignoranza dobbiamo essere in grado di rispondere tutti assieme con la cultura e la conoscenza, mentre l’unico antidoto per l’odio resta la tolleranza”.



Tag

Salvini: «Il leader delle sardine non vuole confrontarsi con me? La cosa è reciproca»

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Attualità

Cronaca

Attualità