QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PONTEDERA
Oggi 10°13° 
Domani 15° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdera, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdera
martedì 19 novembre 2019

Sport mercoledì 04 settembre 2019 ore 10:00

"Chi si chiama Fausto venga al raduno per Coppi"

Da Smam appello a tutti i Fausto della Toscana ad andare a Castellania il 15 settembre. In più la richiesta di intitolare una via al campionissimo



SANTA MARIA A MONTE — Avrebbe compiuto 100 anni il 15 settembre Fausto Coppi, il campionissimo, e Santa Maria a Monte è stata ed è molto legata a questo mito del ciclismo mondiale. Negli anni '50 del secolo scorso molti bambini nati in quel decennio venivano chiamato Fausto in onore di Coppi. Oltre al calcio, che era lo sport più diffuso, il ciclismo era anch’esso molto seguito, il Giro d’Italia che passava anche in Toscana e negli anni '50 e '60 più volte anche da Ponticelli, località di Santa Maria a Monte dette un impulso a questo bellissimo sport.

"Vogliamo ricordare questa data in maniera pubblica - ha riferito Alberto Fausto Vanni, promotore dell'iniziativa - e nell’occasione abbiamo inviato al sindaco di Santa Maria a Monte la richiesta ufficiale di intitolare una via al campionissimo. Tanti santamariammontesi, che oggi hanno intorno agli 80 anni, ricordano quel periodo con commozione e amore verso lo sport, i bar dell’epoca, pieni di gente, l’argomento era fra i sostenitori di Fausto Coppi e di Gino Bartali".

"Quando sono nato nel 1954 - racconta Vanni - ci fu un lunga “trattativa” fra mio babbo tifoso di Coppi e mia nonna Quartina. Mio babbo voleva chiamarmi Fausto, in onore del campionissimo, mentre mia nonna Quartina, voleva che il mio nome fosse Alberto a ricordo di suo marito, mio nonno, deceduto all’età di soli 33 anni. La soluzione fu che mio babbo, mi “segnò” all’anagrafe, dal capo ufficio il Sor Gaetano Gonnelli, come Alberto Fausto Vanni. Qualche anno fa andai a vedere la pagina di quel registro scritto dal Sor Gaetano, con una calligrafia impeccabile, ma la storia non finisce qui, nel 1958 nacque mio fratello e mio babbo senza se e senza ma lo chiamò Fausto".

"In una occasione nel 1959 in una trattoria famosa “da Tonio” a Camaioni vicino Firenze , per puro caso, mio babbo Giancarlo insieme ad amici trovò a cena Fausto Coppi, non immaginate la felicità di quell’incontro, allora mio babbo aveva una foto di mio fratello Fausto, la presentò a Coppi il quale gli ci fece una dedica. Questa foto è una delle mie cose preziose che conservo".

Quindi l'appello: "Un appello a tutti i Fausto: domenica 15 settembre andremo a Castellania, paese natale di Fausto Coppi a portare un mazzo di fiori sulla sua tomba, chi vuol partecipare mi chiami al 3387777948".



Tag

Il Mose di Venezia, il rendering dell'infrastruttura: come opererà per regolare l'ingresso delle maree

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità