Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 22:10 METEO:PONTEDERA14°26°  QuiNews.net
Qui News valdera, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdera
sabato 25 settembre 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Onorificenza a Liliana Segre, Casellati si commuove: «Lei ha trasformato l'orrore in memoria»

Cronaca venerdì 19 febbraio 2016 ore 12:15

Accusato di istigare alla jihad, via al processo

Gli avvocati difensori di Jalal sostengono che l'imputazione nei confronti del ragazzo di Ponsacco sia evanescente. I giudici si sono ritirati



PONSACCO — E' iniziato stamani in tribunale a Pisa il processo nei confronti di Jalal El Hanoui, il ragazzo di 26 anni di origini marocchine ma residente a Ponsacco accusato di avere istigato alla jihad attraverso i suoi profili Facebook e in carcere dal luglio 2015.

Nella seduta di stamani gli avvocati difensori del ragazzo, Marco Meoli e Tiziana Mannocci, hanno posto un'eccezione preliminare sul decreto che dispone il giudizio definendo "evanescente l'impostazione" che si basa solo "su alcune frasi decontestualizzate".

I giudici e la giuria si sono ritirati per decidere.

Il pm Angela Pietroiusti avrebbe invece chiesto di respingerla anche se i difensori hanno bollato le accuse come "generiche e superficiali". "Di cosa deve rispondere Jalal? - si è chiesta il legale Tiziana Mannocci - Forse del suo orientamento religioso o delle sue opinioni politiche? Si dica quali sono i fatti e i reati istigati e non ci si limiti a una teorica enunciazione dettata dal codice".

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Vigili del Fuoco sul posto per spegnere il rogo. Una persona ustionata è stata soccorsa dal 118. Ad andare a fuoco una tappezzeria
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Federica Giusti

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Sport

CORONAVIRUS

Cultura

Attualità