Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 19:15 METEO:PONTEDERA15°25°  QuiNews.net
Qui News valdera, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdera
lunedì 24 giugno 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Sara Funaro eletta prima sindaca di Firenze: «Porterò il mio lato materno e femminile alla città»
Sara Funaro eletta prima sindaca di Firenze: «Porterò il mio lato materno e femminile alla città»

Attualità venerdì 09 marzo 2018 ore 16:50

Bambini a scuola senza libro e zero compiti a casa

L'innovativo metodo didattico si sta sperimentando alle elementari Giusti, grazie anche al sostegno dei genitori e delle aziende del territorio



PONSACCO — I bambini arrivano alla scuola Giusti di Ponsacco senza libro, quel famoso testo unico di riferimento che si usa in tutte le scuole. Ma una volta in classe hanno a disposizione una biblioteca ben fornita e, presto, ci saranno anche dei tablet.

Il progetto "A scuola senza libro", presto ribattezzato "Stile lib[e]ro.com", si è reso possibile grazie all'intraprendenza delle insegnanti (Rossella De Giorgi, Monica Delli Iaconi, Manuela Macchi, Katya Migliarini), presto sostenute dall'istituto comprensivo Niccolini, dai genitori degli alunni e dalle aziende del territorio, che non hanno lesinato in contributi per arricchire la biblioteca didattica. 

"Il progetto - spiegano le insegnanti - punta ad eliminare il libro di testo per creare una biblioteca scientifica di classe, cioè tanti libri, portare sul banco lo strumento digitale come sussidio e sostegno all’imparare, lavorare in uno spazio multimediale e multidisciplinare che non si esaurisce soltanto con l’uso della Lim. Il progetto vuole scardinare l’idea dell’insegnante come 'divulgatore' di conoscenza codificata o di saperi. Per diventare mediatore nel complesso e meraviglioso percorso dell’imparare. Dovrà formarsi verso le nuove acquisizioni scientifiche, tecnologiche, informatiche, artistiche e non ultime, pedagogiche".

Non è tutto. Da inizio anno, con il nuovo metodo didattico, sono scomparsi anche i famigerati e temuti compiti a casa, "per non gravare in maniera asettica e poco produttiva sul tempo libero dei bambini fuori dalla scuola".

Nelle intenzioni delle insegnanti, il "riuscire a donare agli allievi la capacità di rendersi autonomi, di apprezzare l’importanza dell’imparare anche da soli, di assaporare i risultati raggiunti 'facendo' e 'sapendo', e di imparare che la conoscenza è un valore di libertà".

L'intero progetto si sostiene grazie alle donazioni di genitori e aziende, che possono contribuire accedendo alla pagina facebook del progetto o al crowdfunding dedicato.



Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Progetto Stile libro.com
Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
In due sono stati denunciati: stavano portando via degli utensili da un supermercato, mentre in un'auto rubata c'erano degli strumenti per lo scasso
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Blue Lama

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Politica

Attualità

Politica

Politica