QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PONTEDERA
Oggi 7° 
Domani 11° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdera, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdera
giovedì 12 dicembre 2019

Politica lunedì 11 novembre 2019 ore 13:00

"Palazzo Rosa, a breve sfratti e ricollocazioni"

Sul caso di via Rospicciano, il Pd respinge le accuse di M5s e Lega e assicura di aver fatto tutto il possibile per risolvere la spinosa questione



PONSACCO — Continua a tenere banco lo spinoso caso del complesso immobiliare di via Rospicciano, in mano ad un curatore fallimentare e dove sono arrivate a vivere, non è ben chiaro come, circa cento persone, in gran parte sgomberate dai campi nomadi di Cascina e Pisa.

Il tema era stato al centro della campagna elettorale e ancora fa discutere, con le forze di opposizione di Movimento 5 Stelle e Lega che sono tornate ad attaccare la maggioranza guidata dalla sindaca Francesca Brogi. Per M5s e Lega l'amministrazione non starebbe facendo tutto il possibile per disinnescare quella che è stata definita una "bomba sociale" e, in particolare dalla Lega, più volte si è accusata l'amministrazione di aver addirittura favorito l'insediamento di queste famiglie nel cosiddetto "Palazzo Rosa".

Ma dal Partito democratico di Ponsacco ogni accusa viene bollata come "falsità" e respinta al mittente. Il Pd, inoltre, assicura che a breve inizieranno sfratti e ricollocazioni.

"Quante falsità - questo il comunicato del Pd ponsacchino - continuano a essere messe in giro sul palazzo di via Rospicciano! Certo, è paradossale accettare la predica da parte di partiti e esponenti politici che in tutti questi anni sono stati a guardare nella battaglia contro l’unico vero responsabile delle condizioni in cui versa il palazzo: il suo costruttore. Troppo facile inveire contro l’amministrazione invece di sostenerla nelle sue battaglie volte a ristabilire legalità e rispetto dei diritti dei ponsacchini.

M5S e Lega continuano a riempirsi la bocca di una propaganda sterile, nascondendo la loro posizione di totale sudditanza rispetto al costruttore del palazzo che non hanno mai voluto affrontare, come invece abbiamo fatto noi, pagando anche un costo personale. Tutto questo semplicemente perché hanno sempre messo avanti i loro cinici tornaconti politici, invece che gli interessi della comunità.

Mentre il M5S ha deciso di stare alla finestra, la Lega si è addirittura alleata con chi questo imprenditore lo ha sempre difeso persino nelle aule giudiziarie contro il proprio Comune. Cosa peggiore è che la Lega pisana è responsabile in pieno dell’aggravarsi della situazione di via Rospicciano: con i trasferimenti di nuovi nuclei familiari provenienti proprio dai campi sgomberati dai Sindaci leghisti che hanno speso centinaia di migliaia di euro di soldi pubblici per spostare ghetti da una città a un’altra. Che importa se poi vanno tutti in un Comune vicino e in un palazzo al centro di mille controversie giudiziarie e non solo? E noi dovremmo prendere lezioni sulla sicurezza da chi amministra in questo modo?

La cosa ancora più grave è che nessun esponente della Lega ponsacchina ha mai trovato il coraggio di contrastare i propri leader denunciando le loro politiche sbagliate. Perché non lo hanno fatto? Di sicuro tanto servilismo nei confronti del potere è servito al segretario della Lega locale Tecce a guadagnarsi un posto a Bruxelles a fianco dell’ex sindaca Ceccardi. Anche su questo noi siamo diversi e non abbiamo mai avuto paura di denunciare la situazione di via Rospicciano anche quando a sbagliare è stato il comune di Pisa a guida Pd.

Le lettere ufficiali inviate all’allora Prefetto, Sindaco di Pisa e Società della Salute pisana lo dimostrano. A tal proposito pubblichiamo la lettera (nel documento allegato, ndr) che il nostro sindaco inviò al Prefetto Visconti, al Sindaco di Pisa e alla SdS pisana il 22 dicembre 2016, nella quale si afferma a chiare lettere che l’amministrazione ponsacchina non era stata informata da nessuno dei trasferimenti, se non a cose fatte e solo a pochi giorni prima del loro insediamento, risultando quindi del tutto estranea ai fatti.  Nella lettera inoltre il nostro Sindaco afferma chiaramente la sua contrarietà all’operazione. Infatti è giusto dire che un'operazione è sbagliata anche se chi la compie è un esponente del tuo stesso partito.

La verità è che gli unici ad aver fatto realmente qualcosa siamo noi e alcuni risultati li abbiamo ottenuti: come tutta la pulizia dell’immobile da parte dell’Ivg, giunta dopo un intenso lavoro svolto dall’amministrazione nei confronti del custode dell’immobile e dei curatori fallimentari, pensiamo ai numerosi controlli che regolarmente vengono fatti sul condominio assieme alle forze dell’ordine, ai controlli sui contratti di affitto che ci porteranno a breve ad avere un quadro di chi ha titoli abitativi regolari e irregolari per agire conseguentemente, infine al tavolo permanente aperto dalla Prefettura su iniziativa del Sindaco che ha come obiettivo l’alleggerimento della popolazione lì residente. Tutto ciò per altro, dopo aver anche promosso una interrogazione parlamentare firmata da esponenti del Pd e indirizzata all’allora Ministro dell’Interno Salvini per portarlo a conoscenza della situazione presente sul territorio, anche se poi l’ex Ministro leghista non ci ha fornito quell’aiuto e quelle risposte da noi sperate per giungere a una soluzione positiva della questione.

Adesso invece che stanno per iniziare le prime operazioni di sfratto e di ricollocamento delle famiglie residenti, tutti vorrebbero ritagliarsi una parte di merito attraverso operazioni di mistificazione della realtà. La verità è che sulla questione di via Rospicciano le forze di opposizione hanno perso ogni credibilità e non saranno certo dei titoloni di giornale o delle fake news costruite ad arte a riabilitarli agli occhi dei cittadini di Ponsacco, che su questo tema li hanno già pesantemente puniti alle recenti elezioni comunali".



Tag

Mes, Conte: «L'Italia non ha nulla da temere, il nostro debito è sostenibile»

Ultimi articoli Vedi tutti

Sport

Cronaca

Attualità

Attualità