Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 18:30 METEO:PONTEDERA13°26°  QuiNews.net
Qui News valdera, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdera
giovedì 23 settembre 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Giacomo Sartori, continuano le ricerche del 29enne scomparso: il video postato dalla famiglia su Fb

Cronaca domenica 17 luglio 2016 ore 13:15

Aggredito mentre cucina al barbecue

L'episodio è avvenuto nella frazione della Rotta. Un imprenditore è stato aggredito da un giovane mentre cuoceva carne nel suo giardino



PONTEDERA — Un imprenditore di 57 anni, Franco Bagnoli, padre dell'ex consigliere comunale del centrodestra a Pontedera Matteo, è stato aggredito da un giovane di 22 anni, che poi è stato rintracciato e identificato dalla polizia.

Il giovane di origine straniera, adottato e di buona famiglia, ha aggredito l'imprenditore prendendolo alle spalle mentre stava cuocendo della carne di maiale al barbecue, nel giardino della sua casa alla Rotta. Ne è seguita una colluttazione e l'aggressore è stato messo in fuga dall'aggredito. Bagnoli ha riportato traumi al naso e alla testa.

La polizia, sentita la testimonianza di Bagnoli, ha rintracciato il giovane. I poliziotti hanno spiegato all'aggredito che la persona che ha varcato la proprietà soffre di alcuni disturbi e verrà affidato agli enti competenti. La polizia ha fatto sapere che l'episodio è da considerarsi come un raptus e non come un atto premeditato e che scaturisce da eventi precedenti. La polizia ha anche escluso che il fatto possa essere ricollegato a motivi religiosi.

L'associazione Mina Boschi ha espresso la sua solidarietà a Franco Bagnoli "per la vile aggressione di cui è stato vittima ieri sera, mentre cenava a casa sua". 

In un primo momento l'associazione aveva lanciato, con queste parole, l'idea di una grigliata a base di carne di maiale sul corso a Pontedera: "Un'aggressione figlia dell'intolleranza, dell'estremismo fanatico e della violenza più grave. Dal canto nostro continueremo il nostro impegno senza paura per preservare e diffondere gli ideali cristiani che sono alla base della nostra storia e cultura e hanno reso grande la nostra civiltà, e per far capire che la nostra città ha bisogno di sicurezza. A breve organizzeremo una grigliata sul corso a Pontedera a base di maiale perché non possiamo cedere alla paura, all'intolleranza e alla mancanza di sicurezza".

Dopo gli sviluppi delle indagini della polizia l'associazione Mina Boschi ha rettificato l'ultima parte, quella relativa all'idea di fare una grigliata: "Si precisa che la grigliata era una battuta e stava a significare che non possiamo temere di fare anche la cosa più naturale e figlia della nostra storia che è la classica grigliata di verdure e carne, sul corso a Pontedera ci saremo ma per sottolineare e rivendicare il diritto alla sicurezza di ogni cittadino pontederese, non possiamo cedere alla paura, all'intolleranza e alla mancanza di sicurezza".

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Prossima apertura, nella prima settimana di Novembre, di PokèFlash, in Piazza Martiri Della Liberta. Ecco le figure richieste
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Riccardo Ferrucci

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

CORONAVIRUS

Lavoro

Attualità

Attualità