Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 18:00 METEO:PONTEDERA19°27°  QuiNews.net
Qui News valdera, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdera
martedì 03 agosto 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Vanessa Ferrari: «Puntavo all'oro, ma è arrivato un bellissimo argento. Più di così non potevo fare»

Attualità venerdì 22 febbraio 2019 ore 07:00

Chiude dopo 172 anni anche la gloriosa Bellincioni

"Liquidazione totale" sulle vetrine dello storico negozio Bellincioni
"Liquidazione totale" sulle vetrine dello storico negozio Bellincioni

Nessuno è eterno e gli attuali gestori della storica rivendita di cappelli sul Corso hanno attivato la liquidazione per cessazione d'attività



PONTEDERA — Nel 1847, quando i Bellincioni aprirono una prima attività artigianale, l'italia non era ancora nata. Al traguardo mancavano ancora quattordici anni, due guerre d'Indipendenza, la spedizione di Garibaldi in Sicilia e molto altro, mentre in Toscana regnavano ancora i Lorena. Palazzo Stefanelli era in via di vendita per il fallimento dell'omonimo proprietario-imprenditore già di successo - ma in famiglia c'era anche un generale - e dopo qualche anno sarebbe stato acquistato dal Comune. Nell'800 il negozio di cappelli, bottoni e molto altro, era però all'altro capo del Corso e soltanto all'inizio del secolo passato si sarebbe trasferito proprio nell'attuale fondo, a fianco del portone del Municipio.

Ma nessuno sulla faccia della terra è eterno a anche sulle vetrine e ingresso del negozio è comparsa la fatidica scritta "Liquidazione totale" seguita, in caratteri più piccoli, dall'altrettanto fatidica precisazione "per cessazione di attività". Il negozio è da tempo gestito da Lucietta e Carlotta Rinaldi, figlie dell'ultima Bellincioni impegnata nel negozio e dal cognome glorioso per la città che ebbe in Luigi Bellincioni un famoso sindaco-architetto a Pontedera.

In vetrina ci sono ancora i cappelli di gran classe e altre fini mercanzie che all'interno riempiono ogni spazio possibile, ma quella scritta è ora la protagonista di un altro addio. Probabilmente il più longevo di tutti nel campo dei negozi che ora si chiamano "di prossimità" per distinguerli anche dai supermercati e simili. 

Quando si chiude un negozio vuol dire che ci sono problemi e comunque decisione varie, mentre per concludere si può ripartire dal già anticipato motto che nessuno, purtroppo, è eterno.

Mario Mannucci
© Riproduzione riservata

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Lutto nel settore del commercio per la prematura scomparsa di un conosciutissimo ambulante. Aveva una grande passione per il ballo
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Davide Cappannari

QUI Condoglianze

Qui Condoglianze - Elenco necrologi

Antonio Evangelista

Lunedì 02 Agosto 2021
Onoranze funebri
Mancini & De Santi Capannoli, Fornacette
Onoranze Funebri


Ultimi articoli Vedi tutti

CORONAVIRUS

Attualità

Attualità

Attualità