QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PONTEDERA
Oggi 24°29° 
Domani 23°33° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdera, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdera
mercoledì 24 luglio 2019

Politica mercoledì 26 giugno 2019 ore 12:05

Comune, ultimo atto con qualche indecisione

Lunedì si insediano giunta e consiglio comunale di Pontedera e dovrà essere scelto e votato, a maggioranza, il nuovo presidente



PONTEDERA — Si avvicina l'ultimo atto ufficiale della lunga tornata elettorale, l'insediamento del nuovo consiglio comunale e della nuova giunta in programma per lunedì prossimo 1° luglio. La giunta è fatta e il consiglio anche, con l'ingresso di altri consiglieri al posto di quelli nominati assessori, mentre resta da scegliere il presidente, ovvero colui che guiderà i dibattiti consiliari.Questo incarico viene attribuito su votazione del consiglio ed è evidente, salvo sorprese, che avendo la coalizione franconiana la maggioranza, la scelta sarà all'interno del centrosinistra. Per la presidenza si parla della vicesindaca uscente Angela Pirri  primo caso di uno-una vicesindaca non confermata dopo il primo mandato quinquennale, di Riccardo Minuti già assessore ai tempi del Pci poi uscito dalla politica attiva preferendo un impiego in comune e nel sindacato di Palazzo Stefanelli (ora è in pensione) e di Floriano della Bella, segretario del Pd cittadino. Che secondo indiscrezioni resterebbe tale.

Sul tavolo di Franconi c'è anche una richiesta con decine di firme a favore di Angela Pirri, che 5 anni fa successe a Massimiliano Sonetti per la componente renziana oggi in crisi, e/o per Riccardo Minuti, esponente 'storico' della sinistra fordepontese che fa capo alla sezione e al circolo Bertelli.
Nella scorsa legislatura il ruolo di presidente toccò a Lucia Curcio - a fine mandato elogiata da tutte le componenti dell'aula per l'imparzialità della sua azione - mentre in quella precedente fu presidente Stefano Bertelli, uno dei due gemelli anch'essi protagonisti, come la famiglia, della sinistra prima e del centrosinistra poi di 'fordeponte'.
E a proposito di Stefano Bertelli si può ricordare che fu un merito suo, per chi lo considera merito, l'ingresso di un crocifisso nella sala consiliare, dove tuttora è. Ingresso richiesto dalle allora componenti cattoliche e di centrodestra e concretizzatosi con la conseguente votazione in cui l'elemento determinante fu il voto, proprio, di Stefano Bertelli.

Mario Mannucci
© Riproduzione riservata



Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Politica

Attualità

Cronaca

Cronaca